Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









lunedì 24 aprile 2017

O SOLE MIO

Giornata chiara serena, un sole tiepido in cielo azzurro senza nuvole ... e il cuore si gonfia di una gioia incomprimibile che non puoi ripensare alla poesia più breve che sia mai stata scritta e che tanto desideravo portare all'esame di terza media ... allora perché scansafatiche, giovinastro tutt'altro affaccendato, senza sapere che quella poesia potrebbe riempire quaderni di commenti, anche se è articolata in due sole parole, scritte 100 anni fa, durante una pausa tra un combattimento e l'altro, dal grande Ungaretti, folgorato da un'Alba che nonostante la situazione infuse un senso infinito di gioia e serenità che solo queste due semplici parole accostate riescono a descrivere.

Mattina
 
M' Illumino
d'Immenso 

Il testo della canzone più famosa al Mondo tra quelle napoletane, in fondo intende esprimere le medesime emozioni anche con l'ausilio della musica: O Sole mio
 
Il Testo è di Giovanni Capurro.

La  musica è di Edoardo  Di Capua, che nel 1898 si trovava ad Odessa, in Ucraina e pare sia stato "folgorato" da un'Alba sul Mar Nero tale da far rimanere senza fiato e forse, intuisco, dalla beltà di una giovin fanciulla musa ispiratrice della sonorità melodiosa della canzone.




 


Nessun commento:

Posta un commento