Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









venerdì 3 febbraio 2017

BISOGNA AVERE IL CORAGGIO DI PROVARE PER CRESCERE


La questione adolescenziale ridotta ad una semplicistica divisione: tra coloro che hanno, quelli che non hanno e desiderano di avere. Parlare di vuoto esistenziale, di mancanza di un progetto finalizzato a costruire un domani … e la colpa è degli adulti, che non avrebbero oggi nemmeno la credibilità di educatori e visto come va il Mondo in fondo non credono nemmeno loro di avere le risposte …
In verità nessuno ha mai avuto risposte da fornire agli adolescenti di ieri, dell’altro ieri, nemmeno di oggi e di domani. Qualcuno più saggiamente propendeva a fare domande, che le risposte vengono da se ...
La nostra specie vive di certezze, è insito nella struttura del nostro cervello che tutto deve nominare, catalogare e far rientrare in certi schemi … ma gli adulti hanno troppe remore e poco coraggio per rischiare, per ribaltare le regole, scoprire nuove prospettive … questo perché sono incatenati da abitudini, dure a morire, preferiscono il certo piccolo e sicuro per l’incerto e difficilmente escono dalle tradizioni che li rassicurano: si è sempre fatto così, perché cambiare?
La forza dei giovani, in particolare degli adolescenti , per la particolare struttura psico nervosa, ancora incerta, per la continua ricerca di gratificazioni che la dopamina infonde grazie al piacere di stare insieme, di provare le nuove sensazioni, di assumersi rischi … fino all'estremo da schizzati quali l’ebbrezza della velocità, i salti acrobatici da alberi e balconi … per qualcuno purtroppo le sostanze artificiose che amplificano ancor di più le sensazioni ,come se ce ne fosse veramente bisogno … Alle imprese impossibili rinnovando il mito degli Argonauti e al solitario percorso che li spinge a trovare da se le risposte.
I giovani sono essenziali alla nostra specie
 sono per costituzione dei rivoluzionari … sono per il cambiamento … per la capacità di adattamento a nuove sfide,  per rilanciare e trovare nuove prospettive … Ora non sempre riescono ad avere successo, nel senso di riuscire in quello che rappresenta il sogno da realizzare … ma se questo accade la loro vita fiorisce in mille risvolti che altrimenti non sarebbe stato possibile realizzare se si fossero attenuti in modo ligio alla  tradizione e a quanto di rassicurante derivi  da un percorso prestabilito dagli adulti … Il loro cervello è strutturato per apprendere rapidamente e le interconnessioni che si attivano servono a fare meglio, sempre meglio quello che si vuole fare ... incoraggiamenti e gratificazioni sono gli input che stimolano l'azione, la realizzazione di quel chiodo fisso si chiami Windows, Facebook (mi riferisco agli ideatori) oppure scoprire il passaggio per est da ovest ... il più famoso chiodo fisso della Storia che Cristofaro Colombo intuì già a 12 anni ... quando iniziò ad andare per mare e decise che quello era il suo destino.

Anche la Bibbia ci racconta la vicenda di un adolescente inquieto, non dissimile dal Siddharta di Hermann Hesse, che addolorò il Padre allontanandosi da casa per cercare la sua strada ... gli stenti, le tribolazioni che quel giovane  conobbe erano simili a quelli di qualunque altro giovane  che vivesse per la strada... arrivò a contendere le mele ai porci, pur di sfamarsi ... ma tutto questo gli fece capire cose che altrimenti non avrebbe mai compreso e il suo ritorno fu festeggiato nella casa Paterna come un evento epocale.
Il caos esistenziale   pone gli adolescenti alla continua ricerca e perenne insoddisfazione … ma poi inesorabilmente crescendo tutto acquista un senso e subentra un inevitabile acquietamento del vivere... e si entra nell'età matura, volenti o nolenti... sia che vivi al Parioli o a Tor Bella Monaca.

Nessun commento:

Posta un commento