Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









domenica 18 settembre 2016

MERCANTI E TOPI


Che i modi di dire riassumano delle verità è un fatto inconfutabile. Saggezza popolare, esperienza quotidiana ci ricordano detti sentiti e ripetuti abitualmente, a volte senza soffermarsi troppo sul loro significato.

Fare Orecchie da Mercante  significa essenzialmente puntare a concludere la contrattazione salvaguardando essenzialmente il proprio interesse prima che considerare le esigenze del cliente … il fatto è che anche i clienti mercanteggiano, e avanzano le scuse più bislacche per strappare uno sconto … paventano concorrenti immaginari che praticano prezzi  estremamente bassi, pur pretendendo di comprare la tua merce … oppure sventolano la possibilità di favolosi acquisti, in quantità tali da riempire immaginari magazzini che non possiedono … e poi se gli acquirenti sono spalleggiati dalle mogli, meglio non fare le orecchie da mercante, ma diventare assolutamente sordo e in questi casi, ma non solo, ingoiarsi la lingua è sempre raccomandabile.

Fare la fine del sorcio significa semplicemente morire. Vi è mai capitato di vedere o sentire qualcuno che prende un topo di fogna vivo e lo addomestica? Sono una specie molto intelligente e fetente, hanno imparato molte cose da noi umani che certo non siamo migliori … per questo alla nostra vista fuggono e noi tentiamo di ammazzarli in ogni modo possibile come spietate SS.
La Storia ci ha insegnato a temerli, perché potenziali veicoli di malattie terribili … i topi hanno imparato che possono trarre vantaggio dalla vicinanza dell’uomo, ma devono essere invisibili e discreti altrimenti non vedranno la luce del giorno dopo … crescono e si moltiplicano tramandandosi questa semplice regola di sopravvivenza spicciola dalla notte dei tempi.
Un giorno, in un mercato rionale, sono entrato e c’era caccia grossa … un povero topolone cercava di sfuggire alle urla, colpi di scopa e di cassetta della frutta   di un manipolo inferocito di commercianti che per l’occasione avevano sfoggiato occhi , udito ed agilità feline … il ratto, correva come un forsennato, schivando, saltando , squittendo e sgommando tra urla, insulti e risate … poi l’uomo normalmente conosciuto come il più mite e tranquillo della schiera… quello che meno ti aspetteresti alcunché di malvagio, data la sua proverbiale flemma ... con un balzo fulmineo e una calcagnata è riuscito a spezzare la schiena al  topone che è morto all'istante … il quale, povero, si sarebbe potuto salvare unicamente esprimendo una disperata aggressività, attaccando anziché fuggendo … mettendo così fine a quella baruffa e spaventando i suoi assalitori.
Così è la vita, se pensi di fuggire o evitare gli ostacoli rischi di lasciarci la pelle, ma se reagisci forse hai qualche possibilità di scamparla franca. In fine mai sottovalutare le persone  buone semplici e miti, sono le più imprevedibili e sorprendenti, più della categoria degli sbruffoni e sbracioni, i così detti tipi svegli. 

 


2 commenti:

  1. Non c'è trippa per gatti. Ho scoperto stamattina che fu coniato in seguito al taglio dal bilancio comunale di frattaglie per nutrire i gatti che venivano tenuti nell'archivio capitolino perché mangiassero i topi invadenti, da parte del Sindaco Nathan. Simpatico, e poi suona sempre un po' malizioso questo modo di dire... interessanti le spiegazioni ...

    RispondiElimina
  2. Già ... si può dare una duplice lettura: una che sotto Nathan in virtù del suo rigore amministrativo, non c'era spazio per gli speculatori terrieri e per le istituzioni scolastiche rette da religiosi ... ma dato che questi erano anche acerrimi nemici del Sindaco, o comunque era alloro inviso per non dire altro ... si coniò questo motto per ridicolizzarlo e sminuirlo, oltre a ricordare la sua educazione ebraica da cui discendeva quella parsimonia esagerata:-)
    Un saluto

    PS ai gatti non fregava niente se c'era o non c'era la trippa e nemmeno la chiedevano o scioperarono alla sua mancanza ... forse qualcuno esagerava ad ingrossare questa cifra in bilancio e non solo quella!

    RispondiElimina