Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









domenica 24 gennaio 2016

DIVENTARE VECCHI


L’uomo è come il vino invecchiando migliora. Non sempre è vero e del resto anche il vino migliore con il tempo può diventare aceto; ma il più delle volte siamo sorpresi da quanto sia vero questo detto popolare.

L’esperienza vissuta e la sofferenza conseguente aumentano in noi le consapevolezze, il più delle volte è così, dipende dalla nostra capacità di leggere i fatti, dalla propria autocritica e dalla volontà di trovare soluzioni o rimedi a situazioni apparentemente senza uscita … in altri termini saper trovare il buono anche nelle peggiori situazioni, anche,  una  piccola cosa che ha fatto la differenza e che ci è piaciuta davvero.
Dipende in poche parole da come reagiamo alle crisi, dalla nostra capacità di adattamento e dalle nuove iniziative che riusciamo a mettere in campo con l’aiuto di veri amici.
Siamo in perenne mutazione, perché ogni giorno ci può donare o togliere qualcosa, e noi, dobbiamo in un caso essere grati al cielo, nell’altro diventar roccia e comunque andare avanti … In ogni modo  non siamo più la stessa persona di prima. Nell’aspetto siamo ovviamente gli stessi, forse con qualche capello bianco in più, con qualche dente in meno, con un po’ di pancia in più … ma essenzialmente abbiamo fatto un passo in salita o in discesa, questo dipende da come ci adattiamo alle situazioni e da come reagiamo agli inevitabili problemi esistenziali.
I veri amici sanno gioire con noi dei progressi compiuti, sorridono e si rallegrano con Te senza dire altro e la loro vicinanza fisica e di frequenza d’onda è palpabile, qualcosa che avverti concretamente, e che impari ad apprezzare a piccoli sorsi, per la sua preziosa essenzialità.
Quelli che dicono di esserti amico, ti chiudono in un ruolo, in un’etichetta e per loro sei sempre quello … negando ogni tuo cambiamento o per invidia o per grettezza d’animo, cambia l’intenzionalità che ci mettono, per stare da una parte o dall’altra … e comunque non puoi non notarlo, anche se  impercettibilmente, ti rende più distante e diffidente verso certe persone che un tempo ritenevi amiche e vicine a te.
Però quanto è strana la vita, se è vero che per certi versi si migliora, tralasciando l’inevitabile decadimento fisico, si esce di scena quando potremmo donare molto di più rispetto a quanto potevamo fare in passato.
Che strana questa Società che da tanta importanza ai giovani sempre più soli ed egoisti e considera i vecchi un peso, soprattutto quando sono poveri e quindi c’è poco da spremere … qualcosa dovrà cambiare, necessariamente!
Il più delle volte si muore con un animo grande e con un cuore pieno di amore da donare … anche se il fisico non regge e decade … anche se si diventa materialmente più poveri   soli perché perdiamo  le persone  care e vicine a noi, ma nonostante tutto questo si diventa, il più delle volte, anime illuminate da una luce Divina.

Nessun commento:

Posta un commento