Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









martedì 10 novembre 2015

FLASH


Come un lampo che illumina per qualche istante l’oscurità della stanza e lascia intravvedere cose celate …  dimenticate dalla quotidiana corsa, da appuntamenti incontri ed incalzanti eventi di una vita aliena al passato, ma inevitabilmente inscindibile ad esso.
L’occasione che ha fatto scaturire quel lampo: leggere una notizia apparentemente distante e per questo inaspettata nelle conseguenze … La Traviata di Ozpetek  incanta il pubblico del San Carlo poi ... seguono le motivazioni sceniche, coreografiche, musicali … che giustificano tale titolo … leggo ed ancora il lampo deve manifestarsi, sono ancora nell’oscurità che cela … nell’incoscienza finta che fa dimenticare il proprio vissuto e che non ha motivo di riemergere in quell’istante … poi continuo a leggere che  il regista quando aveva sette anni ascoltava spesso sua Madre cantare le arie più celebri della Traviata … dunque, penso, un atto di grande tenerezza si cela nello sforzo del regista di compiacere la persona che più ama al Mondo.
Continua, Ozpetek , e dice con parole semplici, non di circostanza, che mi arrivano come una sberla e mi fanno rivivere momenti apparentemente dimenticati … ma evidentemente non cancellati … “Mia Mamma, dorme tutto il giorno, sta Morendo … e quando gli faccio ascoltare la Traviata … vedo una piega appena delineata sulle sue labbra … un abbozzo di sorriso e questo mi emoziona profondamente”.
Ne avverto l’impotenza, la perplessità … la struggente sofferenza vissuta da chi Ama e perde il contatto diretto con chi ci sta per lasciare, non per sua volontà, e che solo di tanto in tanto si riaffaccia in questo Mondo …  riscaldandoci ancora il cuore.
Il Lampo lascia intravvedere cose … che pensavo perse per sempre, insabbiate, inabissate … ma è troppo il dolore che la luce si spegne subito dopo oscurando il tutto nuovamente.

Nessun commento:

Posta un commento