Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









domenica 15 novembre 2015

E QUALCUNO DISSE “ I HAVE A DRIME”



 

La vendita delle case degli enti pubblici e simili,                  


indubbiamente  è stata per gli ex inquilini una mazzata . 

Le case spesso fatiscenti richiedono interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria di non poco conto.

 Molti si sono indebitati per poter acquistare la prima casa e nel tempo non tutti sono riusciti a chiudere il mutuo e l'ipoteca ... arrancando come potevano alle difficoltà nei giorni di vacche magre. 

Il mercato immobiliare ha risentito della crisi, per quanto alcune zone residenziali sono maggiormente richieste rispetto ad altre. Chi ha venduto  e si è trasferito forse è stato più lungimirante rispetto a chi ha tenuto la casa.

L’impreparazione dei nuovi proprietari alle questioni condominiali è costata lacrime e sangue.

Squali e squallide figure hanno carpito la fiducia degli ingenui … che come pecore si sono lasciate guidare sull’orlo del precipizio, senza nemmeno rendersene conto. Amministratori  dediti  unicamente ad approfittare della situazione sfruttando le debolezze degli sprovveduti: lusinghe, piccoli interessi e soprattutto chiacchiere senza costrutto; intanto i conti sono sempre più salati, i lavori sono fatti sempre con più approssimazione, le informazioni sono elargite con astuto intento di impapocchiare e confondere i malcapitati che non sanno più a quale santo votarsi.

 Gli esasperati svendono intimiditi ed impauriti dall’ insaziabile e vorace pozzo di San Patrizio … a causa di furbi che non pagano e restano impuniti, di amministratori solerti solo ad incassare e a far pagare quelli che pagano … anche più del dovuto! Nel frattempo incantano gli incauti che credono di aver a che fare con un amico o un’amica … non con un demandato a fare l’interesse degli amministrati.
Il fatto è che gli amministratori quando si accorgono che possono osare senza essere fermati, perdono letteralmente il senso della misura e diventano pericolosi …  anche per se stessi!
I fornitori compiacenti li sostengono, con fatture gonfiate, con lavori inventati … con servizi mai del tutto resi … qualche amministratore si sente Dio e crede di poter tutto … anche fare qualche affaruccio nelle compravendite  degli sventurati che decidono di svendere pur di andarsene …
 Ovviamente le complicità non mancano e l’occasione ghiotta di raggirare e di spennare la massa degli sprovveduti  neo condomini è troppo forte che nessuna remora etica, regola di legge o fede religiosa li può fermare … solo la loro insaziabile voracità li fermerà e li rovinerà.

I nuovi amministratori (perché nel frattempo cambiano, affinché l'oblio ricopra le  malefatte e si faccia spallucce) sono cooptati dai soliti furbetti (garantendo l'impunità ai predecessori) …  passato il testimone, i nuovi lasciano credere agli sprovveduti che risolveranno i problemi … in realtà faranno ben poco se non quello di continuare ad agitare spauracchi, a far lievitare le spese … nessun colpo di spugna … anche i fornitori sono gli stessi :-) … e da una posizione di forza (del tutto millantata) … tutti  …. in coro,  intimidiscono gli sprovveduti condomini con lettere scritte da avvocati … boriosi strombazzanti assoldati  per spremere e spillare il più possibile.
Se qualcuno si oppone ... viene isolato, deriso, considerato un poveraccio  ... che spetti a vendere se non puoi pagare? Vuoi fare causa: accomodati i costi della giustizia e i tempi lunghi giocano a tuo sfavore e poi anche se vinci sei proprio sicuro che ti pagheranno? Con queste chiacchiere rabboniscono i più decisi ... ma non a tutti riescono ad incantare;  lo sanno che non possono tirare troppo la corda.
I diritti vengono usurpati, dimenticati … principi di equità e di corretta amministrazione sono relegati in soffitta o gettati nel cesso … tutto in nome del dio denaro che gira , comanda e sorride solo a quelli che sanno come fregare il prossimo stordendolo di sole chiacchiere e nulla più.
A volte penso e me ne vergogno un po’, che la nostra società è marcia davvero fino alle midolla e che abbiamo poche cose in cui credere veramente e per cui valga la pena combattere e morire … forse la famiglia? mah ...
Provo tenerezza per tutti  noi poveri paperini, che con sisifa durezza portiamo il peso della nostra buona fede,  fantozziani e gentili come pecore ci facciamo condurre dal buon pastore al macello, belando grati e docili.
E' ora di svegliarsi! Che ne dite?

Il fatto è che ci sono persone che fingono di cadere dal pero, che non hanno alcun interesse a svegliarsi ... altre reagiscono come gli struzzi, nascondono la testa sotto la sabbia sperando che i problemi una volta ignorati non esistano ... in nome del "tengo famiglia, che devo fa?".

Lo stato delle cose è tale che se ancora esiste la Giustizia in questo Paese ... basta una semplice azione di responsabilità per mala gestio condominiale,  per scoperchiare d'ufficio,  sul piano penale un sistema dedito a delinquere, a depredare denaro ai danni di molte persone ignare e che non avrebbero potuto in ogni caso opporsi, difendersi perché il sistema, generalizzato colpisce senza lasciare segni evidenti ... solo se non si passano i limiti dell'impunità ... e in questo caso siamo andati ben oltre!

Non ci si può scusare a causa di problemi di salute o famigliari ... tutti abbiamo problemi ma non per questo siamo giustificabili per i danni eventualmente causati ad altre persone.


Qualcuno, mi auguro, piangerà lacrime amare e questa volta non saremo noi poveri paperini.

 
 


 

 

 

 

 

2 commenti:

  1. Che ti posso dire... tra case precedenti, casa dei miei genitori e casa attuale ho visto così tanti Amministratori rubare senza nessun tipo di condanna o risarcimento da essermene fatta una ragione. Sembra ormai comune che ad ogni passaggio di cambio di amministratore il precedente si senta in dovere e diritto di prelevare tutti i soldi sui conti. Sei amministratori hanno fatto così e mi sembra che nulla accada e anzi continuino ad esercitare malgrado le denunce. Si concordo, non c'è giustizia.

    RispondiElimina
  2. La Giustizia c'è! Se hai modo leggi questa sentenza

    GIURISPRUDENZA: TRIBUNALE DI FIRENZE, Giudice monocratico, Dott. G.Magnelli - sentenza depositata il 30/marzo/2001 Truffa- Amministratore di condominio - Obbligo di rendiconto - Modalità di redazione del rendiconto – Artifici e raggiri –Appropriazione indebita - Amministratore di condominio - Gestione delle Somme versate dai condomini – Possesso - Aggravantedi cui all'art. 61 n. 11 c.p. - Configurabilità.

    Spiega molte cose, soprattutto il metodo usato dal Giudice ... che attraverso il lavoro di un Buon Perito contabile ... è stato passato al setaccio tutto il lavoro svolto presso lo studio dell'amministratore condominiale, sono stati sentiti anche i suoi dipendenti e collaboratori che nel frattempo si sono licenziati ed hanno cambiato lavoro ... e cosa importante non è stato esaminato solo il condominio in causa ... ma tutti i condomini clienti di quello Amministratore, fino a ravvisare il metodo fraudolento usato come sistema per appropriarsi di ingenti somme di denaro distogliendole dal loro effettivo scopo: pagamento dei fornitori e delle utenze condominiali

    No la Giustizia c'è e Funziona!!

    Comunque Grazie

    RispondiElimina