Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









domenica 20 settembre 2015

UBI MAIOR MINOR CESSAT


La forza di una catena la si misura in rapporto all’anello più debole.
 Questa ovvia verità è valida anche in un contesto condominiale …  Che senso ha approvare rate di spese particolarmente elevate … in presenza di condomini morosi? Li si vuole espellere e costringere a vendere casa?  In questo modo la morosità diminuisce? molto probabilmente anche altri soggetti  rischiano di diventare a loro volta morosi.
Certo è un cane che si morde la coda e rischia di diventare matto!
 Le famiglie non hanno risorse illimitate … devono barcamenarsi tra i vari bisogni dei loro componenti … e mi domando come sia possibile accettare piani di spesa  tanto impegnativi  per redditi medio bassi o comunque non alti?
Se poi la risposta è:
o paghi oppure vendi casa 
allora non ho dubbi, che siamo di fronte  al tentativo di togliere la libertà di vivere, abitare nel luogo che più si ama, conquistato con tanti sacrifici e rinunce … perché qualcuno ha stabilito che sia giusta questa linea di condotta.
E’ chiaro che una situazione di emergenza, non si crea dall’oggi a domani … ma è frutto di azioni passate, scelte non appropriate o azioni non effettuate per tempo … si è preferito eclissare, non agire, procrastinare insomma quello che è oggi sotto gli occhi di tutti è un male antico trascurato.
Non dico che la risposta non sia  necessaria … ma evidentemente qualcosa non è stato fatto al momento opportuno …  Ci si è limitati a dare colpa al tipo di contratto idrico a bocca tarata, ritenuto più caro di quello a contatore … ma se le bollette sono lievitate è perché  da sempre  sono state pagate con ritardo  e poi non sono state pagate più …  nel frattempo molti di noi hanno continuato a versare le rate condominiali, regolarmente e in qualche caso anche in assenza dell’approvazione di un preventivo di bilancio … perché?
Semplicemente,  era la cosa giusta da fare! Poi abbiamo scoperto il buco di bilancio … le spese a cui dover fare fronte con sollecitudine … la creazione di un fondo  cassa per limitare i danni e stabilizzare la situazione …. E dulcis in fundus  l’urgenza di alcuni lavori.
A questo punto chi tutela i più deboli … se non si è nelle grazie della maggioranza dei condomini chi può essere certo di non essere raggirato o costretto a pagare più del dovuto? E’ ovvio che questa domanda nasca spontanea … e se prima pagavi con sollecitudine,  e con spirito di sacrificio … nella speranza di contribuire a migliorare la situazione, adesso ci pensi e sei più restio, più diffidente … 
L’informazione è alla base della trasparenza … qualcuno si è mosso con più attenzione, accumulando debiti verso il condominio e poi quando c’è stato il cambio di amministrazione ha cominciato a pagare … mentre chi ha pagato regolarmente si è ritrovato debitore suo malgrado … pur avendo pagato.
Sguardi taglienti, sorrisi beffardi … le solite frasi pronunciate da anni e anni, questo non aiuta ad avere un rapporto di fiducia con chi condivide lo stesso numero civico … Qualcuno azzarda anche a farti i conti in tasca … quanto guadagni, quanto spendi … e ti viene spontaneo rispondere …
 ma sono cavoli miei! Che te frega a Te!
Guardo la realtà delle cose … perché sono abituato a vedere le cose  per quelle che sono … e devo dire che per onorare gli impegni mi ritrovo a fare non pochi salti mortali, con triplo avvitamento … ma non sono preoccupato di questo,  perché qualunque cosa stia capitando o capiterà … riesco a stare nella linea di galleggiamento … non mi piace il cinismo di certe persone e le situazioni create ad arte per destabilizzare, rompere gli schemi, gli equilibri, togliere la tranquillità alle persone … indurci allo scontro o alla persecuzione sterile, quella che crea danni e ritorsioni senza costrutto.
Mi domando in che Mondo abbiamo scelto di vivere?
UBI MAIOR MINOR CESSAT
dove è presente chi ha maggiore autorità, cessa il potere di chi è inferiore
Speriamo di no!
Anche se mancano idee per contrastare questa linea di condotta … slancio vitale, che produca fiducia ed entusiasmo … voglia di riscatto … in chi  sta sbagliando e magari dovrebbe dare un messaggio di buona volontà, prima che le cose precipitino; confido nella muova Amministratrice che  sta dimostrando uno zelo inatteso nell'adempiere ai suoi uffici, e capacità di risolvere i problemi, anche nella buona predisposizione dei condomini a cooperare e darsi da fare che ne usciremo più coesi e forti che mai  ... una cosa è certa

i problemi sono parte della vita e una vita senza problemi ... non è vita!

Nessun commento:

Posta un commento