Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









mercoledì 5 novembre 2014

PICCOLO GRANDE UOMO


Fretta di arrivare, telefonate a raffica … impegno  a  rispettare le consegne.
Si corre in auto, il tempo stringe e non si pensa ad altro che alle mete da raggiungere di volta in volta. Rutine … ma la disinvoltura troppo leggera non considera i rischi della strada …  basta poco per trasformare l’ordinario scorrere del tempo in una tragedia infinita ed irreparabile.
Quando sei apparso ho capito che dovevo riconsiderare le priorità e le responsabilità di chi siede alla guida di un’auto.
Piazza re di Roma una Mamma attraversa ... indossa il marsupio e stringe un piccolo, mentre al fianco da la mano ad un pupo biondo, che mi vede arrivare spedito ed alza la mano chiedendomi di rallentare … alla vista della famigliola rallento, inchiodo … il piccolo grande uomo, non più alto di un metro agita la mano, mi guarda con rabbia … ho messo a rischio la vita delle persone a lui più care … mi sorprende la precoce consapevolezza di quel giovane leone per il  pericolo scampato, della sua rabbia  espressa con occhiacci di ghiaccio e della sua reazione piccata rivolta a me  … sua mamma attraversa tranquilla stringendosi il piccolo ignaro tra le braccia, come rassicurata dalla presenza al suo fianco di quel giovane uomo … sorrido di cuore e dico rivolto al piccolo arrabbiato consapevole del suo ruolo di protettore che “ha ragione, che sono un imbecille su quattro ruote” … presuntuoso, penso  di avere il controllo assoluto del mezzo che conduco, senza rendermi conto davvero che basta niente, per arrecare danno ad altre persone e a me stesso.
Grazie piccolo per quei pugni alzati, per il tuo dimenare il braccio minaccioso  perché la tua giovane consapevolezza non solo mi sorprende ma mi ammonisce e mi richiama ad un comportamento più attento e responsabile alla guida.
Ciao angelo mio.

Nessun commento:

Posta un commento