Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









giovedì 23 gennaio 2014

QUANTO TI SENTI FORTE? SEI FELICE?

-Certo!
Allora è arrivato il momento di essere generosi ...

In queste due semplici domande è condensata una grande Verità, la forza dell'Amore si Autoalimenta della propria Felicità e quanto è più Forte, tanto più sa Perdonare, Accogliere, Includere, Condividere, Aiutare ...

Non possiamo vivere creando barriere, fossati e muri divisori tra noi e gli altri con il pretesto che gli "altri", non tutti, alcune persone particolari, sono irrimediabilmente piene di difetti e mancanze ... che se si potesse le si eliminerebbe fisicamente! Le soluzioni finali, la Storia ce le ha riproposte  ricorrentemente e con scarsi successi, in forme di genocidi di massa a causa delle Crociate, dell'Inquisizione, del Colonialismo, del Nazismo, del Comunismo, del Sionismo, dell' Islamismo ...  anche se teorizzate per vivere in un Mondo migliore!

Non ci è data la perfezione, per nostra natura, tutti in qualche modo siamo carenti in qualcosa, limitati, sciocchi e sordi ... qualcuno più degli altri, per sua disgrazia e sfortuna, ma non per questo dobbiamo biasimarlo, schiacciarlo ... quanto più siamo forti grazie alle proprie consapevolezze, certezze, situazioni che ci hanno fatto capire prima di altri e diventare quelli che siamo ... tanto più bisogna Comprendere e lasciar correre,  (sono solo "fiori in faccia", diceva spesso nostra Madre), anche se colpiti da un pugno (reale o metaforico), immaginare che è ben poca cosa, rispetto a quanto dolore possa vivere l'autore di chi, a nostro parere, ci ha volutamente vilipesi, ignorati, dimenticati, offesi. 
 

1 commento:

  1. Sagge parole, caro Paolo!
    Anch'io, da un po' di tempo, "comprendo" e "lascio correre".
    Tuttavia mi domando: trattasi di vera saggezza o vecchiaia incipiente?
    ;)

    RispondiElimina