Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









sabato 2 febbraio 2013

SALITA IN SOLITARIA




Quanta determinazione e forza di volontà in questi temerari free climbers, per affrontare in solitaria una parete a strapiombo, con le sole mani, senza chiodi e corde di sicurezza.
Se a metà strada giunge lo sconforto, l'ansia o il panico ... se la parete è davvero impossibile da superare? Eppure sembra che non se lo chiedano, fanno tutto quello che possono, anche se non è ammesso alcun errore,  non c'è alcuna possibilità per ritentare ... una seconda volta, non sempre è possibile, soprattutto a vertiginose altezze.

3 commenti:

  1. Non so, non capisco che cosa ti può spingere a questo rischio e quali ne sono le motivazioni.
    Sono bravissimi, ma c'è qualcosa nella loro mente che a me manca. Non riesco a sentire le loro emozioni che devono essere fortissime e intense, percepisco solo il senso dell'avventura. Peccato, non riesco a capire.

    RispondiElimina
  2. Credo che sia una sfida a se stessi, a dominare le proprie emozioni, a mettere a dura prova ogni risorsa fisica e mentale per raggiungere la cima della montagna, senza altro ausilio quali corde, chiodi, staffe ... muscoli di acciaio, ma tanta volontà e fiducia nelle proprie possibilità, dopo un attento studio della via da percorrere, tempi e possibilità di successo. Quello che ammiro in loro è il mantenersi lucidi, anche in pareti di 6°, ad altissima difficoltà, incuranti del vuoto, riescono a superare anche delle sporgenze o tetti, che richiedono normalmente tecniche sofisticate con corde e staffe per tirarsi su da soli.

    Ciao Ambra

    RispondiElimina
  3. Credo che ognuno può sentirsi felice, realizzando quello che più lo appassiona ... non è necessario fare nulla di eclatante, acrobatico, eccezionale, ai limiti delle possibilità umane, che dia una scarica di adrenalina pura ...
    ma si può essere felici anche compiendo piccole cose ordinarie e tranquille, si può raggiungere ugualmente la quinta essenza della gioia: attraverso qualunque cosa fatta con Amore:-)

    RispondiElimina