Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









venerdì 1 febbraio 2013

CONDOMINIO ITALIA


Come in ogni condominio che si rispetti, quando ci sono problemi che non si vogliono affrontare con chiarezza, per ragioni varie che potete intuire, allora si svia l’attenzione dei condomini su un problema secondario, producendo una montagna di chiacchiere che ridurranno l’assemblea condominiale a far accettare con superficialità questioni d’importanza maggiore, senza un’adeguata consapevolezza di chi vota, a tutto vantaggio di chi riesce ad orchestrare tutto l’ambaradan.
Tutta la buriana su MPS ha sostanzialmente questa funzione, visto che sono cose note da più di un anno, tirate fuori in campagna elettorale, per non affrontare i temi veri della gente: debito (pubblico + tossico da derivati),  stretta creditizia, situazione economica, lavoro, riduzione dello stato sociale. Di  soluzioni che aiutino il maggior numero di persone in uno spirito solidale, anche per chi rimane indietro … perché non se ne parla? Se a strangolare gli Stati, più che il debito pubblico, sono i debiti da derivati o debiti tossici, originati dalla finanza creativa che movimenta immense quantità di denaro, perché non imporre la rinegoziazione e far pagare chi ha effettivamente avuto benefici? La ricetta islandese, che in questa campagna elettorale sembra non essere mai esistita.
Se è vero che l’Italia ha aderito ad un patto fiscale, che la impegna nei prossimi 20 anni a ridurre il proprio debito pubblico da 2.000 miliardi a soli 900 miliardi di € , significa che ogni anno si dovrebbe varare delle manovre da 55 miliardi di € + gli interessi originati dal debito pubblico.
Si adombra, forse non del tutto a torto, che il vero obiettivo della politica europea sia il disfacimento del suo Stato sociale: Salute, Pensioni, Scuola.
L’economia è legata al petrolio e al $, moneta con cui si scambia l’oro nero. Il prezzo del petrolio non è legato alla domanda e all’offerta, ma alla speculazione finanziaria sui futures (contratti a termine) e sui tassi di cambio delle principali monete.
Attualmente dicono che è in corso una guerra valutaria tra le principali monete del pianeta. Non si fa nulla per armonizzare il sistema dei cambi, tutto è rimesso alla forza brutale dei contendenti … alla capacità di imporre le proprie ragioni con metodi da gunster : come avviene in una guerra tradizionale.  Invece di muovere truppe si svaluta la moneta o si emette nuovo denaro … gli effetti della guerra valutaria hanno le stesse conseguenze per la gente comune della guerra tradizionale  in termini di miseria e disaggio.
€ rispetto al $ è considerato meno stabile e sicuro nel Mondo, ma la moneta presa a base delle transazioni internazionali è la moneta del principale debitore, gli USA, mentre la moneta del principale creditore, la Cina, vale 10 volte meno il $: contro ogni logica economica. I leader del mondo non fanno nulla per armonizzare il mercato valutario, stabilizzando i tassi di cambio, creando squilibri e tzunami pericolosissimi.
L’Europa dell’ € è composta da 17 Paesi con grandi differenze tra Paese e Paese: Paesi con economie  più deboli  ( crescita zero del pil  e debito pubblico alto) chiedono la svalutazione dell €, a salvaguardia delle loro economia, in conflitto con i Paesi “ricchi” che chiedono maggiore stabilità dell’€ , a qualunque costo per i Paesi più poveri … anche se questo richiede di accettare l’abbassamento del tenore di vita (lacrime e sangue) e lo smantellamento dello Stato Sociale.
Le banche sostengono il debito pubblico degli Stati ( per esempio MPS detiene 25 miliardi di titoli di stato italiani!) … per fare questo chiudono il più possibile i rubinetti alle imprese e alle famiglie, mentre lo Stato non sta intervenendo abbastanza per sostenere le imprese e le famiglie, preferendo sostenere le banche e politiche di austerity, per ridurre il debito pubblico.
Se il debito di uno Stato non è soltanto costituito  in prevalenza dal debito pubblico ma dal debito verso le banche (prodotti derivati) e le principali istituzioni finanziarie (FMI, BCE) … accettando di imporre politiche di austerity che deprimono l’economia si rende accettabile l’idea di ridurre lo Stato Sociale, di assoggettare gli individui a regole di mercato in altri termini disarmarli dei loro diritti e delle loro garanzie, depauperando la dignità, conquiste, ottenute con grandi sacrifici negli ultimi 100 anni, sono smantellate con estrema leggerezza … un’opera meno impattante e più subdola, con effetti non diversi da quella ottenuta dai nazisti nei campi di concentramento!

 "Le vittime imparano a soffocare i propri impulsi, ad evitare manifestazioni emotive. Privati della possibilità d’incidere sul corso della propria vita, si piegano al volere dei signori e padroni, per i quali l’annullamento delle responsabilità individuali nella folla amorfa è una finalità ... la svalorizzazione dell’Io del dominato, con la sua riduzione a «essere di un gregge", tra questi emerge una piccola porzione di umanità, sollecitata dal potere a difendere il proprio minimo privilegio col sopruso.."    
                
                                                                                 Link per rivedere la puntata
 

 
 
 

1 commento:

  1. son d'accordo nella prima parte, si solleva un polverone per distrarci...

    poi vorrei chiederti perchè è scomparso il tuo post precedente, sull'orrore di quei filmati, visti in tv. è proprio scomparso tutto.

    RispondiElimina