Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









martedì 29 gennaio 2013

UNO SQUARCIO SULL' ORRORE

“Questi aguzzini hanno dimostrato per tutti i secoli a venire, quali insospettate risorse di ferocia e di pazzia, giacciono nell’uomo dopo millenni di vita civile: e questo è opera demoniaca”
Primo Levi
Vi avverto il filmato sotto è proprio brutto da vedere.
 Sono immagini crude e dure, a parte quelle delle indagini vere e proprie, in cui non si può non notare quanto gli inquirenti si identifichino, quasi come se fossero i figli, i nipoti ... delle vittime … provando una profonda pena e rabbia, tanta voglia d’interrompere le indagini per intervenire quanto prima, ma che a fatica devono continuare a raccogliere prove di quell’orrore perpetrato da un branco di scriteriati, privi di ogni umano sentimento, per inchiodarli alle loro responsabilità.
Conforta vedere in chi per mestiere è costretto a vederne di tutti i colori, non acquisire insensibilità, ma mantenere la capacità di provare compassione e di indignazione …
In tutta la sequenza, l’unico atto amorevole nei confronti di una povera paziente, vessata e sottoposta a continue torture fisiche e psicologiche … è registrato alla fine del filmato:
una carezza data da un anziano ospite della casa di cura.
Il rintracciamento della normalità dei rapporti dopo l’abisso di follia in persone che deontologicamente dovrebbero dimostrare umanità e capacità di saper accudire chi si ritrova, non per scelta personale, in una condizione di assoluta soggezione e dipendenza.

Va detto che grazie ad una badante coscienziosa è stato possibile far emergere questa orribile storia.
 
 

6 commenti:

  1. Ma è assolutamente spaventoso. Il servizio in rai non l'avevo visto. Ho lo stomaco contratto. Ma che li prendano e li appendano a un albero a testa in giù e gli premano contro un cuscino come hanno fatto loro o li prendano a sberle ripetutamente e speriamo che li mettano in galera e che gli altri detenuti li massacrino di botte.
    Non sono violenta di solito, nemmeno verbalmente, ma in un aspetto del mio volontariato mi occupo anche di socializzare con gli anziani, li conosco, mi fanno tenerezza. Non posso vedere quello che ho visto, mi viene da piangere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho provato le tue stesse sensazioni ... quando ieri sera per caso ho visto queste immagini.
      Quando si ricorda il passato , i lagher , si stenta a credere ... perchè ciò che è stato, è troppo lontano dal proprio vivere quotidiano ... fatto di relazioni normali, in un contesto di diritto e di garanzie civili. Tuttavia certe notizie di cronaca, così vicine alla nostra realtà, aprono squarci sull'orrore e maggiore consapevolezza.

      Elimina
  2. Ho la pelle d'oca. Filmati come questo dovrebbero girare ovunque. L'indignazione dovrebbe essere nella coscienza collettiva.
    Mia sorella ha perso il suo lavoro di assistente agli anziani per motivi di "esubero". Le rimproveravano sempre di essere troppo lenta, di preoccuparsi eccessivamente degli ospiti, sforando le tempistiche programmate. Ma lei amava il suo lavoro e gli anziani che accudiva, e loro le volevano bene perché sono persone, non spazzatura, e anche quando sembrano lontani, sentono perfettamente di quali attenzioni sono oggetto, nel bene o, purtroppo, nel male.
    Molta tristezza, tantissima rabbia. La nota positiva di questa vicenda è il vedere scorrere anche molta sensibilità, quella che fa -deve assolutamente fare!-la differenza.
    Grazie,un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai del bene e scordatene, fai del male e pensaci ...
      Amare la vita, rispettare il prossimo, dare e ricevere serenità qualunque sia il contesto lavorativo, o il tipo di relazione che ci avvicina al prossimo ... è cosa imprescindibile, cosa di cui non si può fare a meno, come l'aria o l'acqua.

      Elimina
  3. non lo rivedrò questo filmato. ieri sera per caso ero sintonizzata su quel programma, distrattamente mentre scrivevo in internet... ed è stato terribile per me vedere, sentire quella barbarie... non me lo so spiegare come quelle persone possano avere tanto odio dentro di loro per battere ed umiliare in tutti i modi una povera anziana inerme, lasciata alla loro mercè... sì forse peggio degli aguzzini nei lagers... o forse la stessa pasta di persone, malate fino in fondo all'anima.
    è stato molto brutto vedere queste cose, comprendevo e provavo tutto lo sdegno degli inquirenti che dovevano per forza vedere quelle cose, quelle azioni orrende, tutte fino in fondo, senza poter muovere una mano...
    dopo il film Vento di primavera pensavo di non dover piangere ancora, ma quei poveri vecchietti mi hanno fatto una pena immensa. tuttavia credo che quella povera vecchia non avesse proprio nessun parente che andasse a trovarla, perchè si sarebbero accorti dei lividi, con tutte quelle botte che le davano le infermiere e gli infermieri, veri e propri aguzzini !!

    RispondiElimina
  4. Ho visto anche io "Vento di Primavera"... colpisce profondamente.

    Già chi è isolato e per di più malato, rischia molto se incrocia gente senza alcun scrupolo e sentimento.

    RispondiElimina