Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









domenica 21 ottobre 2012

HO UN SASSOLINO NELLA SCARPA ... HAI




Ho visto un documentario su Rai Storia, di H. Bianchi (del 1968) , voce narrante fuori campo di Arnoldo Foa,  sulla crisi economica  anni trenta, e sono rimasto colpito per l’estrema chiarezza e lucidità con cui vengono analizzati  i complessi fatti tra loro concatenati e conseguenti.
 Toccante  il racconto della sensazione diffusa, allora, tra la gente comune, non importa di quale nazionalità, schiacciata dalla miseria più nera. Milioni e milioni di persone senza lavoro, in rari casi con sussidi alla disoccupazione, elargiti  dopo profonde umiliazioni e a seguito di controlli pressanti ed insostenibili per chiunque avesse avuto un briciolo di dignità residua, dopo aver perso il lavoro:  e la frase più gettonata era "Non vogliamo l'elemosina, ma solo il Lavoro!"
 Il Capitalismo aveva fallito miseramente le promesse per un progresso sociale senza limiti; aggiungerei l’egoismo e l’ingiustizia sociale divennero ingiustificabili, e si temette il peggio del peggio.
Si diffusero ovunque idee alternative al capitalismo  o vie di mezzo, che intravvedevano delle soluzioni agli impellenti bisogni di così tanta gente: il collettivismo comunista, lo  statalismo burocratico socialista e il corporativismo fascista.
I Paesi democratici, e non solo, sentivano fortemente la necessità di attuare politiche di pareggio del Bilancio Pubblico senza mortificare troppo la condizione di chi era stato abbandonato a se stesso, parliamo di immense moltitudini di persone.
L’accostamento alla situazione di oggi è inevitabile, acquista ancora più significato e spessore la notizia e l’enfasi data al Nobel conferito alla Comunità Europea, per la capacità dimostrata di garantire la Pace nella propria area Geografica e di estendere tali benefici anche fuori dai suoi confini (Siria a parte).
Limitatamente al nostro Paese, si può affermare che oggi la situazione non è drammatica come nel primo dopoguerra e all’indomani della caduta di Wall Street, grazie a uno Stato Sociale che  ancora riesce a garantire  le Pensioni di Anzianità e le Pensioni di Invalidità, La Salute Pubblica, l’Educazione Scolastica Pubblica ... sono a costi relativamente bassi  per le famiglie italiane, se confrontati ai costi insostenibili e che spiegano anche l'alto indebitamento delle famiglie americane. 
Certo abbiamo un vantaggio rispetto agli americani, oltre alla mentalità sparagnina che ci contraddistingue, c’è di fatto una parte del reddito della famiglia coperta ancora dalle Spese a carico della Comunità, per fortuna direi, e nonostante i furbi che continuano a non voler pagare le tasse con la scusa che la classe politica è in maggioranza  ladrona, o perché, "tanto pure se li scoprono la fanno franca comunque, visto le lungagini per incassare l’accertato e qualche conoscenza".
Veniamo al sassolino.
In tempi di vacche magre, tutti stanno attenti  anche al centesimo, e guardano alle spese con più accortezza. Diminuiscono i consumi di carne, e le spese alimentari in genere e già questa la dice lunga. Si va meno al Bar, al Ristorante, al Cinema...
Solo a me è capitata la sfiga di abitare in un Condominio di Rockfeller e di Rothschild.
 Badate bene, siamo della Middle Class, medio bassa, ma forse non lo sanno a giudicare con quanta allegrezza  e spensieratezza lasciano correre le spese di condominio, senza fiatare e a chi dice qualcosa in contrario, fanno spallucce e dicono: “sono necessarie, inevitabili, incomprimibili, se non ce la fa ...  venda la casa! Che vuole da noi”.
Le Spese  Condominiali dell’Acqua, del Gas e dell’Energia elettrica sono allarmanti, e non per il costo delle Utenze, visto che le bollette di casa si mantengono pressoché costanti nel tempo, facendo un pò di oculata attenzione ai consumi … ma questo sembra un concetto alieno per dei Rothschild e dei Rockfeller, della  medio bassa Middle Class, che non sentono ne vedono la crisi economica attuale (beati loro) e che forse si sono scoperti anche imprenditori immobiliari!

Una nota sulla canzone e su chi la canta, Natalino Otto. Siamo nel 1943 e lo Swing, che richiama il jazz ed il suo stile ritmico dondolante, segue le truppe americane, questo si potrebbe pensare, ma erroneamente ... infatti Natalino Otto come molti cantanti Liguri, fece la gavetta negli anni trenta sui Trasatlantici, nelle rotte tra Nord America ed Europa, da qui il suo repertorio particolarmente originale che si richiamava alla musica americana, non sempre compreso e stimato, in tempi in cui la sua musica era definita "barbara musica negra" .

 

8 commenti:

  1. Poi sono pronti a farsi fregare dagli amministratori in tutti i modi. Ti senti dire "beh è così ... d'altronde siamo in Italia". Volevo dire: "e voi siete gli imb..." ma ho evitato di litigare ancora una volta ... sono anni che litigo.
    ciao

    RispondiElimina
  2. Ciao Francesco
    Grazie per il tuo commento di condivisione, che mi rincuora assai e allontana da me l'idea di essere un solitario e malandato Don Chisciotte, appiccicato alle solite pale rotanti di un mulino, mentre i nobili ideali vanno tutti in cacca tra i nitriti beffardi del suo cavallo Ronzinante

    RispondiElimina
  3. Condivido anch'io Paolo il tuo pensiero.

    RispondiElimina
  4. Ciao Gianna
    Grazie:-)
    la nostra gente, gli italiani in genere, è un popolo eccezionale, peccato che quando lo s'incarica di un qualche ufficio, con un pò di potere si trasformi e diventi più carognetta:-)

    RispondiElimina
  5. Grazie per il commento alle meravigliose parole di Charlie Chaplin!Il tuo blog è molto interessante,ti seguiro' spesso!

    RispondiElimina
  6. Ciao Celyne Benvenuta
    Non passi inosservata in tutti i sensi:-)
    sia per quello che dici e come lo dici,
    che per quello che vedono i miei Occhi:
    una Gran Bella Ragazza!
    molto Intelligente

    RispondiElimina
  7. E' sempre la solita storia, non è consumare troppo che èsbagliato, se tu che non guadagni abbastanza da permetterti lo spreco! Assurdo!

    Ps: grazie del tuo commento sul mio "Stille di vetriolo", lo trovo molto condivisibile!

    RispondiElimina
  8. B_E
    mi ha ispirato il tuo risentimento, palpabile con mano leggendo il tuo post che è... talmente poco armonico al resto del tuo blog ... così pieno di senso estetico e di armononiose immagini, tanto da farmi sentire turbato ... ho pensato:
    se anche B_E si arrabbia, e per me sei un'entità Eterea, quasi di un altro Mondo ...Beh! allora vuol dire che siamo veramente alla Frutta:-))

    RispondiElimina