Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









domenica 2 settembre 2012

NE VALE LA PENA?


Liliana Cavani - La Donna Nella Resistenza - 1965 Documentario Questa intervista colpisce in modo particolare per la domanda che pone. La protagonista è una fra le poche ad essere     ritornata da un campo di concentramento di sterminio nazista. Lo sguardo, le esitazioni, la scelta delle parole ...

Quante volte, nella nostra esperienza quotidiana, sentiamo dire di persone che hanno gli attributi, che sono forti e determinate, nel raggiungere i loro obiettivi. Sul lavoro, sembra che avere le "palle" sia la condizione imprescindibile per andare avanti, per fare strada .
In tempi dove il lavoro diventa un terreno di scontro, di sopraffazione, in nome dei propri bisogni o dei bisogni della propria famiglia, dove ognuno aguzza artigli e zanne per non permettere ad altri di sottrarre il suo bene ... dove si arriva alla delazione, alla diffamazione, alla calunnia, al discredito dell'altrui operato pur di salvaguardare se stessi, pur di sopravvivere, sopportando anche qualunque angheria, soppruso, inghiottendo qualunque rospo ... c'è da farsi la stessa domanda:
Ne vale la pena?

Questo significa saper stare al Mondo? al proprio posto? Essere Uomini?


 
 
 

Nessun commento:

Posta un commento