Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









domenica 20 maggio 2012

KNOW HOW ED ETICA

Dopo aver visto la conferenza stampa in Tv, sulla brutta faccenda di Brindisi, incuriosito ho fatto un giro su internet. Un rilevatore volumetrico, ipotesi data per molto probabile, normalmente utilizzato negli antifurti a protezione di un’area ovoidale, attiva un controllo doppler, un vero e proprio radar: costo minimo 450€!!
Un timer ad innesco, utilizzato normalmente per innescare i fuochi d’artificio, con dei materiali per i razzi modellismo, costo: da 4 a 10 € !! Dunque è possibile costruire un innesco, impreciso, come si è verificato a Brindisi, e nella disgrazia è stata una fortuna, altrimenti sarebbe stata una strage di portata ben maggiore, utilizzando materiali poveri e facilmente reperibili, perfino in un negozio di giocattoli!
C’è comunque un fiorire di notizie su youtube come costruire un detonatore.
Vietare la diffusioni di certe notizie, è possibile? Sarebbe opportuno? O questo finirebbe per limitare e controllare Internet in genere ? Di fatto sarebbe impossibile ... se un aeromodellista spiega come innescare un razzo a distanza ... qualcuno potrebbe pensare che stia in realtà, fornendo il Know how per la costruzione di un innesco.
Una metodica, non è di per se buona o cattiva, dipende dall'uso ... e questo rientra nelle intenzioni  che sono perseguibili, solo, se si trasformano in azioni dannose.

6 commenti:

  1. grazie del pensiero. Ti assicuro che una ventina di secondi di megnitudo simile all'Aquila sono tanti e restano dentro la pancia per ora.

    RispondiElimina
  2. Non credo di essere stato l'unico, sei nelle simpatie di moltissima gente ... Sembra che nella vita non si possa far a meno di provare le cose con la mente, il cuore e quando capita con la pancia ... e queste ultime per capirle, bisogna passarci.

    Ti Auguro di ritrovare la tranquillità al più presto, soprattutto per i tuoi famigliari.

    RispondiElimina
  3. Mah! Io sono del parere che certe informazioni se non adassero pubblicate sarebbe meglio. Non sai mai quanti matti girano in rete, perchè allora facilitare loro l'insana e perversa idea? Qualche controllo in più su quello che viene pubblicato andrebbe fatto

    RispondiElimina
  4. Si tratta di decidere se limitare la libertà di tutti possa davvero impedire a un fanatico di costruire un detonatore.
    In effetti - come dici tu - non è la metodica, ma l'uso che se ne fa che fa la differenza.

    RispondiElimina
  5. Ciao Lucia
    concordo con quanto dici, ma non è semplice come sembrerebbe... certo, tolti i casi troppo evidenti e sfacciati, che dicono come fare una certa cosa (e lo scopo prevalente e di arrecare danno alla tranquillità pubblica!) ... ci sono poi un'infinità di casi, che parlano innocentemente di tutt'altro, ma che potrebbero insegnare la stessa cosa o permettere lo stesso risultato ... Un elettricista, ad esempio, spiega come funziona un interruttore ... un malintenzionato potrebbe usare quelle nozioni per tutt'altro!

    RispondiElimina
  6. Ciao Ambra
    Sarà interessante seguire il dibattito politico che nei prossimi mesi finirà per coinvolgere Internet ... ovviamente nessuno imporrà mai di far pagare il giusto per il peccatore, ma se è la gente a richiedere, un maggior controllo e maggiori limiti?

    RispondiElimina