Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









sabato 4 febbraio 2012

OCCHIO ALL’OCCHIO

Come cambiano i tempi … chi lo avrebbe mai detto; a sentirlo dire oggi quasi non ci si crede, tanto ha il sapore di qualcosa  che viene dal futuro, invece è già … presente.
Attenzione! Nell’occhio di un manichino c’è una microcamera, che registra i volti delle persone che si fermano a guardare la vetrina. Un software particolarmente elaborato, riesce a distinguere il sesso, l’età, le espressioni del viso, le variazioni di umore mentre si osserva la vetrina, l’interesse, il tempo che si rimane ad osservare, le volte che si torna a guardare.
 Così se un capo di abbigliamento è studiato per le Signore, diciamo da quarant' anni in su, e poi si scopre che a fermarsi davanti alla vetrina sono per la maggior parte delle ragazze, il negoziante potrà provvedere per tempo ad ordinare le taglie appropriate.
Chi lo avrebbe mai detto? E la telecamera è talmente minuta da non apparire in alcun modo all’esterno. Già alcuni esemplari di questi manichini “intelligenti” sono attivi in varie vetrine, non è una leggenda metropolitana, la notizia è stata ufficializzata da "E se domani Short " del 3 Feb 2012 ( dopo 36 minuti e 34 secondi di trasmissione su 41,03 totali).

Chissà che un giorno questa canzone di Gino Paoli, non sarà la preferita di una manichina, trasformata a tal punto ed in grado di provare qualcosa, come evento del tutto imprevisto, per un passante che del tutto ignaro osserva un dettaglio della vetrina, come possibile regalo per la sua fiamma in carne ed ossa.
Un consiglio prima dei saldi, munirsi di occhiali ray ban a specchio, mettetevi un cappellaccio e avvolgetevi con una grossa sciarpa,  alzate il bavero, non gesticolate, non spostate il peso da una gamba all’altra e se vi interessa un articolo, bluffate, fingete il contrario … usate uno specchietto meglio ancora un binocolo e lontano dalla vetrina, osservate ciò che vi interessa: forse avrete qualche speranza di un vero sconto.
Ps. la mia origine ligure, prima o poi salta fuori:-)

6 commenti:

  1. Mi ricordo che mia madre quando si andava a comperare qualcosa, scarpe o vestiti, chiedeva sempre lo sconto.. ora invece pur di vendere lo sconto lo fanno anche senza chiederlo...

    RispondiElimina
  2. Ciao Giuliana
    e questo è segno di crisi o di volpagine dei commercianti che per fare contenti i clienti, applicano sconti solo virtuali:-) e vendono sempre al prezzo che gli fa comodo?
    Oltre al manichino intelligente per il commerciante, ci vorrebbe un orologio intelligente, che avverte l'acquirente, quando il commerciante bidona, magari rivelando tutta una serie di indicatori compreso lo sfregamento delle mani e quante volte ripete ... "guardi ci sto rimettendo", nemmeno il costo recupero^_^

    RispondiElimina
  3. Buogiorno volevo solo scrivere che mi piace leggerti,tutto qui,grazie.

    Lorella

    RispondiElimina
  4. Ohhh!
    Grazie a Te Lorella
    la tua è una vicinanza che testimonia simpatia senza nulla chiedere ... disarma il tuo "tutto qui", perchè credimi vale "molto assai"; se nella vita doni anche una sola parola gentile e garbata, senza aspettative alcune, vuol dire che hai molto da dare, che in Te c'è un'anima forte e sensibile, un mondo interiore che sarebbe bello esplorare.

    RispondiElimina
  5. Beh...sei molto gentile e se posso, vorrei dirti cosa ho pensato quando ho letto il tuo post,sinceramente ho sorriso...vedi ho pensato:poveretti questi manichini con micro telecamera se alla vetrina vedessero me,farei uscire loro molto fumo,a tutto penso quando mi avvicino ad una vetrina,tranne a ciò che vedo,la mia attenzione dura pochi secondi e poi, spazio con la fantasia in tutt'altro.Cmq,quanta diffidenza che abbiamo vero?Ci sentiamo scrutati e giudicati,neanche gelosi dei nostri pensieri possiamo + essere,a me del futuro che è diventato presente non è che mi piaccia.Scusami,forse mi sono dilungata troppo,ti prego di scusarmi.

    Lorella

    RispondiElimina
  6. Lorella:-))
    più che scusata ... Alice nel Paese delle Meraviglie, non ti preoccupare non sono il Bianconiglio che ha sempre fretta e ha tanto da fare; sarebbe bello conoscere dove ti porta la fantasia e se quel Mondo lo condividi con altri, sarebbe bello vedere anche con i tuoi occhi disincantati la realtà ...
    Un saluto

    RispondiElimina