Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









sabato 25 febbraio 2012

IO VOLO _ RAI 5 _ REGIA MATTIA COSTA




Il volo in aliante, non inteso come attività agonistica ma come ricerca di uno stile e di una filosofia di vita. Il racconto è ispirato agli insegnamenti che il volo esercita su chi lo pratica


Io lo posso capire
Nel volo come nella vita è importante sforzarsi di prevedere il futuro, proiettarsi in là nel tempo e nello spazio. La storia di un campione di volo a vela e di una principiante si somigliano perché le accomuna la fiducia in ciò che ancora ha da venire.

Io non mi fermo
Nel volo nulla è lasciato al caso eppure l’imprevisto è dietro l’angolo. Arriva sempre il momento in cui bisogna prendere delle decisioni senza essere del tutto sicuri delle conseguenze. Imparare a decidere con incertezza è il primo passo per controllare l’ansia.

Io ho dei dubbi
Quando si vola il vento è relativo. La percezione del mondo che si ha da un aliante è spesso ingannevole ed in questo somiglia alla vita: non esiste un solo punto di riferimento, ne esistono tanti. Il dubbio fa parte della nostra natura.

Io parto e mi fermo lontano
A volte quel che accade ti costringe a cambiare i tuoi piani, altre volte tutto va esattamente come avevi previsto. Nel volo, come nella vita, non si decolla mai dando per scontato che si ritornerà.

Io ho paura mi fermo qui
Un pilota così come ognuno di noi, deve fare i conti prima o poi con l’insuccesso. Fallire porta con sé il desiderio della rivincita. Fallire è una fortuna e i voli del passato sono la base per migliorare. Imparare a rinunciare è difficile ma indispensabile.


Io mi commuovo
Ci sono tanti vecchi piloti paurosi. I temerari, in genere, non diventano vecchi. Dagli errori degli altri si impara, nel volo come nella vita, che la fortuna e l’esperienza sono altrettanto importanti ma solo grazie alla memoria i traguardi diventano punti di partenza.

Io ce la faccio
Avere un obiettivo in mente permette, tanto nel volo quanto nella vita di tutti i giorni, di superare gli ostacoli che ci arrivano da fuori e da dentro di noi. La piena libertà, nel volo, si ottiene con la ferrea disciplina di chi si pone un obiettivo da raggiungere.

Io sono cosciente
Nella nostra società la morte è una parola bandita sostituita goffamente da termini come “scomparsa”. Il volo ha sempre a che fare con la morte, è una possibilità concreta con cui si convive più o meno serenamente.

Io e il tutto
Volare significa avere un rapporto speciale con il cielo. Il pilota sperimenta più spesso di chiunque altro una vicinanza totale ed assoluta con la natura, che può essergli amica e nemica ad un tempo. Sentirci parte del tutto è un’intuizione che ci fa sentire vivi.

Io sono solo
In volo si è soli. Spesso ci si giudica altre volte ci si perdona tutto. Il peso delle nuvole e dei sogni grava tutto sulle nostre spalle. Il volo aiuta l’introspezione. Un pilota che non ha paura è nel medesimo tempo all’inizio e alla fine del suo percorso di crescita.         

Tratto dalla scheda di presentazione su Rai 5

2 commenti:

  1. sarà cosi... ma io che sono salita su un ultraleggero come passeggera... ho passato tutto il tempo con gli occhi chiusi ripetendo mentalmente un mantra buddista per non pensare...

    RispondiElimina
  2. Giuliana,
    mi hai messo di muon umore...

    Beh, hai tutta la mia comprensione...
    del resto lo stesso "Barone Rosso"
    ripeteva spesso
    "la paura in volo è una compagnia a cui non si può e non si deve mai rinunciare"

    CiaOM

    RispondiElimina