Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









sabato 1 ottobre 2011

RITRATTI FOTOGRAFICI

PRIMI ANNI ’50, FOTO di GRUPPO di COLLEGHI DELLA  SEDE INAIL D’IMPERIA.

Mio Padre è il primo in alto a sinistra. Personalmente, e mi dispiace dirlo, non ho conoscenza dei nomi di queste persone, salvo al centro, in camice bianco, il Dott. Gazzano,  nome spesso ricordato in famiglia e che mi è rimasto impresso per la grande amicizia e stima dimostrata e condivisa con mio Padre.
L’Incontro della Terra degli Ulivi, la Sabina, con la Terra dei Ciliegi in fiore, il Giappone. Mia Madre, la Signora in scuro, e la Signora Mihoko, moglie del Dott. Perrotti, ex ufficiale medico della Regia Marina Italiana, che durante la guerra era militare nel Pacifico, poi congedatosi divenne dipendente dell’Inail.
 In fondo mia Madre e la Sig.ra Mihoko avevano in comune quello di parlare dialetti incomprensibili per i liguri J e che inspiegabilmente, riuscirono ad intendersi perfettamente tra di loro.

4 commenti:

  1. Sono bei ricordi, Paolo, rimandano ad un'epoca pulita, forse non meno difficile dei tempi attuali, ma che vista dalla distanza del nostro oggi, ci appare più a misura d'uomo...

    Un saluto :-)

    RispondiElimina
  2. Tenera questa pagina di album famigliare :)
    Il dialogo tra tua madre e la sig.ra Mihoko mi ricorda un diagolo tra mia madre ( che parla solo il dialetto jesolano) e una sig.ra siciliana ( che parlava il suo)in treno anni fa. Ricordo lo stupore che provai vedendo che si capivano benissimo nonostante tutto

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Sono belle queste foto perché raccontano un pezzo di vita, anche se non conosci i nomi di tutte le persone ritratte.
    Io a casa ho una vecchia foto di giovani ufficiali di fine 800, non so nemmeno quale sia il mio parente tra i tanti, ma tutti quei giovani visi, gli atteggiamenti e le espressioni raccontano qualcosa, se li guardo bene.

    RispondiElimina