Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









sabato 15 ottobre 2011

ER TEMPO CHE BERTA FILAVA

'Sta Bherta era una povera donna che nun faceva antro che ffilà', perchè era 'na bbrava filatora.
Una vorta, strada facenno, s'incontrò co' Nnerone, l'imperatore romano, e je disse:
- Che Ddio te possi dà' ttanta salute da fatte canipà' mmill'anni!
Nerone che, pe' quant'era bhoja, nu' lo poteva vede gnisuno, arimase de stucco in der senti una che j'agurava de canipà' mmill'anni e j'arispose:
- E perchè bbòna donna, me dichi accusi?
- Perchè peggio nun è mmorto mai. Nerone allora je fece:
- Mhè, tutto er filà' che ffarai d'adesso insino a ddomani a mniattina, porteinelo a mme ar mi' palazzo.
E sse n'agnede.
Bbèrta, mentre filava, diceva tra dde sè:
- Che ne vorà ffà' de 'sto lino che ffilo? Abbasta che ddomani quanno je lo porto nun mece strozza! E' ttanto bboja.
Abbasta la mmatina puntuvale se presenta su ar palazzo de Nerone. Questo la fa entrà' se fa ddà' tutto e' llino che aveva filato; poi chiama un servitore e je dice:
- Dite ar mastro de casa che a 'sta donna je se dii a nnome mio tanta campagna pe' quanto è llongo 'sto lino ch' ha ffilato.
Berta lo ringraziò e sse n'agnede tutta contenta. Infatti da quela vorta in poi nun ebbe ppiù bbi-sogno de filà' perchè era diventata 'na signora.
Saputa 'sta cosa pe' Roma, tutte le donne che commatteveno er cécio cor faciòlo (1) ,se presen-taveno a Nnerone speranno puro loro d'ottienè' lo stesso rigalo che aveva ricevuto da lui, Bberta. Ma Nnerone j'arisponneva:
- Nun è più er tempo che Bberta filava. (2) (1) Bisognose. (2)
Un nostro ritornello dice:

 


Fiore de méla
Nun è più er tempo che Bberta filava;
Ché mmò nun fila ppiù ttesse la tela.

La morale de sta storiella è sempre quella:
"... al momento opportuno ... c’è sempre qualcosa di buono in chi sembra cattivo!"

3 commenti:

  1. Mah! Allora per scoprire i lati positivi per esempio del mostro di Foligno bisognava essere con lui in un determinato momento, che non si sa quale, e assistere al suo tentativo di impiccarsi!
    Ciao:-))

    RispondiElimina
  2. Brrrr...
    Comunque sia la storia l'hanno scritta i nemici di Nerone, una cosa fu certa, quando toccò i privilegi alla casta di allora ... fu facile screditarlo e renderlo odioso ai più isolandolo... Mai tanto impegno fu profuso per cancellare ogni ricordo di un potente, perfino la costruzione del Colosseo e l'abbandono della Domus Aurea rientrò in questa strategia.

    RispondiElimina
  3. Certo il punto di vista di Berta è comune a tanti che, oggi, apprezzano il potente di turno ... e gli permettono di fare i fatti suoi:-)

    RispondiElimina