Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









domenica 4 settembre 2011

RIEDUCAZIONE (da una parabola sufi)


C'era una volta un contadino generoso e solerte, che aveva molti figli avidi e pigri. In punto di morte rivelò loro che avrebbero trovato un tesoro se avessero scavato in un determinato campo. Non appena il vecchio ebbe emesso l'ultimo respiro, i figli si precipitarono nel luogo indicato e si misero a dissodare il campo da cima a fondo con una concentrazione e un'ansia che crescevano man mano che procedevano.

Non avendo trovato la minima traccia del tesoro, si dissero che il padre, nella sua generosità, aveva distribuito la sua fortuna da vivo, e abbandonarono le ricerche. In seguito, dato che la terra era ormai completamente dissodata e pronta per la semina, pensarono che tanto valeva seminare il grano. Una volta seminato, il raccolto fu abbondante. Vendettero il grano che avevano mietuto ed ebbero un anno di prosperità.

Poi si misero nuovamente a pensare al tesoro, alla possibilità di essere arrivati molto vicino all'oro nascosto dal loro padre. Decisero quindi di dissodare ancora il loro campo, ma invano.

Col passare degli anni si abituarono al lavoro e ai cicli stagionali che prima non capivano, e ora si rendevano conto del perché il loro padre aveva scelto quel metodo per istruirli. Cosi diventarono dei contadini onesti e contenti, e alla fine divennero abbastanza ricchi da non provare più il bisogno di sognare il tesoro nascosto. 

6 commenti:

  1. Ciao Paolo il Saggio1
    Amo i racconti la filosofia Sufi, la sento mia.
    Mandami via mail il tuo indirizzo, non lo trovo più e vorrei mandarti qualche cosuccia da leggere. ( se ti fa piacere, naturalmente)

    RispondiElimina
  2. Cara Sara,
    mi fa Molto Piacere...

    RispondiElimina
  3. Una vera e propria lezione per i figli avidi e pigri che poi finalmente hanno capito.
    La terra, il vero tesoro per l'umanità.

    RispondiElimina
  4. Il tuo nero Cicerone assomiglia maledettamente al mio nero Isidoro... e uno che va in direzione ostinata e contraria assomiglia maledettamente a me!
    Ciao :D

    p.s. ti ho incrociato dal Monticiano, quindi è probabile che tu sia una bella persona come lo è lui...

    RispondiElimina
  5. Benvenuti
    Zio Scriba e Isidoro:-)

    Intanto condividiamo la Simpatia per Monticiano che è, come ben dici, una bella persona.

    RispondiElimina