Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









sabato 20 agosto 2011

L’OROLOGIO MATTO

Secondo una ricorrente battuta, rinverdita in questi giorni in tv, un orologio rotto segna l’ora giusta  due volte al giorno.
 A Roma c’è un orologio che non è rotto ma non ha mai segnato  l’ora giusta se non quella che gli  pare: a volte in anticipo, altre volte in ritardo, a volte pare fermo e poi riparte quando vuole .
Questo orologio ha tre secoli, ma l’indolenza o l’imperizia romana non è la causa di questo effetto disastroso, ormai divenuta consuetudine e leggenda per i romani, rassegnati , del resto trattasi dell’orologio del Monte di Pietà, al Rione Regola, a due passi da Piazza Campo dei Fiori. Chi pratica quel palazzo di certo non vede l’ora, preso da altre necessità contingenti, da pensieri  che lo tormentano, per esempio come arrivare a fine mese o sfuggire al rischio dell’usura, in tempi di magra, come quelli attuali, impegnando i pochi averi di famiglia; ma è consuetudine anche di commercianti, di benestanti che non vedono l'ora, per la voglia di partire per le vacanze, e preferiscono depositare qui, nel mese di agosto, i loro preziosi perchè le casseforti sono più sicure, al riparo da eventuali furti in negozio o a casa e riprendersi gli oggetti al rientro dalle ferie. Inoltre le spese di custodia sono più convenienti qui di altre banche.
Una volta tanto dietro il malfunzionamento c’è l’opera di un orologiaio tedesco,  che non fu pagato in modo soddisfacente, perciò al momento della consegna alterò i meccanismi per vendicarsi. Orgoglioso, desiderando che si sapesse che lo aveva fatto apposta e non per imperizia, scrisse sotto l’orologio i versi che giustificavano il suo atto (di questa scritta però non c’è traccia, si dice che sia stata rimossa):
Per non essere state a nostro patto
 Orologio del Monte sempre matto.
Attenzione! se una romana da l’appuntamento di fronte al Monte di Pietà all’ora dell’orologio matto, ti dice che … è mejo che ti dai all'ippica! ... tradotto: non ci conterei tanto.

Nessun commento:

Posta un commento