Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









mercoledì 17 agosto 2011

LA FIDUCIA

Domanda oziosa di mezza Estate: la Fiducia si conquista o la si concede?
Chi conquista la fiducia non sempre la merita, lo sanno i truffatori che si adoperano per ottenerla ed abbassare le difese delle loro vittime. Lo sanno i seduttori che escogitano mille modi per abbindolare e prendere ciò che desiderano, ma non amano.
 La fiducia è un dono. Chi la riceve, se, la merita davvero, farà di tutto per non tradirla, perchè chiamato a dare prova di sé, nella sostanza dei termini.
Costa concederla, perché rende più esposti e trasparenti all’altrui potere . Certamente deve essere ben riposta, ma non ci sono regole che possano garantirci davvero, se non quello che sentiamo nel nostro intimo. Gesti di fiducia riescono a fare miracoli, ottengono cambiamenti in chi sembra averla definitivamente smarrita nel prossimo e vive in costante allarme, chiuso in mura possenti , che non lasciano accesso agli altri. La fiducia è il ponte levatoio abbassato, del maniero che  preserva ma al tempo stesso imprigiona. Vivere, è lasciarsi andare, fare il primo passo, senza aspettarsi niente, lasciando che le cose capitino da se … poco per volta. I cerimoniali servono a poco, basta che due si riconoscano per quello che sono, due semplici anime, desiderose di espandersi, di trasmettere l’una a all’altra luce e positività … in contesti semplici, quali una passeggiata nel parco, una panchina per raccontarsi i sogni, un tetto dove assaporare anche il cibo più umile, contenti solo di condividerlo con la persona che sentono di voler bene … non ci vogliono molti cerimoniali per intendere questo, lo si intuisce da subito … e tutto il resto è qualcosa di non necessario, altrimenti  non è desiderare e volere stare insieme davvero, ma solo svagarsi dalla noia, cercando gente e situazioni che distolgano da se stessi e da chi ci accompagna.
Capita in Amore di sbagliare, magari la propria fiducia è stata donata incautamente ad una persona, in mancanza di meglio, credendo di fare bene. Spesso a torto ci si sente colpevoli di essere stati troppo ingenui, e si finisce per ferire altre persone incolpevoli, stupidamente, senza considerare che  comunque si sono vissuti dei bei momenti, e si dovrebbe perdonare chi magari  ha deluso, perché comunque sia è Vita e nulla va sprecato davvero, soprattutto se in buona fede, si è avuto il coraggio di amare e di credere.

Nessun commento:

Posta un commento