Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









martedì 19 luglio 2011

PER SFORTUNA CHE CI SEI

Non tutto il male vien per nuocere, dice la  saggezza popolare fin dalla notte dei tempi, e il film molto simpaticamente lo rimarca.
 Iella e Fortuna sono concetti relativi, dipende dai punti di vista e da come consideriamo le  conseguenze, soprattutto dalla propria capacità di concentrare l'attenzione su certi aspetti piuttosto che altri: se a prevalere sono i toni luminosi, piuttosto che quelli crepuscolari, la Vita si trasforma in qualcosa di magico (e a crederlo non costa niente, ma abbiamo tutto da guadagnare), perchè è  sicuramente meglio, viverla con questa innoqua ma tonica  prospetiva, che passare il maggior tempo ad intonare lamentazioni, gridi di dolore, o sentirsi il protagonista assoluto di un altro film "l' Incompreso" o il " Calimero" di carosellania memoria.

8 commenti:

  1. completamente d'accordo
    mi e' piaciuta molto questa frase che ho letto anni fa in un foglio appeso alla libreria in camera di mio figlio
    "fai cio' che puoi dove sei con cio' che hai"

    RispondiElimina
  2. Grazie Amalia,
    mi piace la positività di questa frase e la sua capacità di ridurre l'anzia, quella che di solito assale quando vorremmo fare tanto di più considerando l'importanza dell'opportunità offerta, che altrimenti si rischia di girare a vuoto e di muoversi male, incasinando tutto.

    Buona giornata,
    il tuo commento lo prendo come il miglior "in bocca al lupo" possibile:-)

    RispondiElimina
  3. Allora è un film da vedere!
    Sono passata a lasciarti un saluto prima delle vacanze. Ripasserò di qui quando rientro. Intanto ti auguro una buona estate.

    RispondiElimina
  4. Grazie Ambra
    per il pensiero, buona estate anche a Te.

    RispondiElimina
  5. No, come "Calimero" non mi sono sentito ma come iellato sì. Poi però mi ricordo una frase che Eduardo De Filippo cercava di far entrare in testa a un suo allievo e gli suggeriva:"tu ti devi mettere davanti a uno specchio e devi dirti 'a me che me ne importa, chi ti dice che sia una disgrazia?' oppure 'chi ti dice che sia una fortuna?"

    ps. Quasi tutti i giorni passo davanti ai Frati Cappuccini. Di solito, verso mezzogiorno, ci sono extracomunitari che attendono un pasto gratis.
    Ironico e gradito il tuo commento al mio post.

    RispondiElimina
  6. Grazie a Te Monticiano è sempre un piacere leggerti:-)

    RispondiElimina
  7. Ciao Paolo, la iella e la la fortuna vanno a braccetto, non lo so se per far dispetto a loro o a noi.

    Del resto, dipende da quale angolazione vediamo noi la vita.
    Tutto è soggettivo.

    La iella esiste ma addà passà a nuttat.
    (De filippo).

    A nuttata passa sempre.

    Grazie per i tuoi passaggi nel mio angolo virtule.

    Adesso ti linko anche io con molto piacere

    Ciao

    RispondiElimina
  8. Ciao Rosy
    mi dispiace per la tua auto, ci sono passato anche io e ... capisco come ci si possa sentire, ma infondo non è nulla di irreparabile o che non possa essere sostituito con altro ... mi piace, soprattutto la tua positività ed energia.

    RispondiElimina