Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









giovedì 9 settembre 2010

PER NON DIMENTICARE


Sensibilità diverse fanno rievocare i fatti storici e considerare le cose con sfumature diverse.

L'otto settembre rappresentò per i Savoia un semplice trasferimento, dettato dal buon senso, in zone più sicure per la corona e lo sparuto seguito. Del resto anche in passato si sono più volte trasferiti: da Torino a Firenze, poi per qualche tempo a Napoli ed infine a Roma ... ora era la volta di Brindisi, in condizioni di massima precarietà e scarsa sicurezza ...
Per gli Italiani fu sentita, senza tanti giri di parole ... una fuga, un indecente abbandono del campo per salvare la pelle e non fare la fine di Mafalda di Savoia.
Certo sarebbe stato bello se, chi rappresentava sopra ogni cosa lo Stato, in uno slancio di dignità ed orgoglio fosse rimasto a Roma, incurante dei rischi, a fare tutto il possibile per sostenere l'impeto che venne dal basso, a sprezzo di ogni calcolo di opportunità, semplicemente grande e generoso, a sostenere quei Soldati Italiani e la gente del Popolo che si batterono a Porta S.Paolo, a Monterotondo, a Bracciano e in mille altri posti... nella confusione più totale degli ordini ma non di certo... morale.
Mi vengono in mente le parole di uno scrittore di cui non ricordo il nome... "ho visto in battaglia nobili cavalieri darsi alla fuga, terrorizzati dal nemico ... ed umili ed anonimi scudieri battersi come leoni...".

6 commenti:

  1. Beh, molto coraggiosi non furono...la dignità di re andrebbe comunque mantenuta. Mafalda di Savoia la mantenne.

    Buona giornata caro!

    RispondiElimina
  2. P.S. Mi ricorda una battuta del film Robin Hood.Quello con Kostner...

    RispondiElimina
  3. Ciao Guerny,
    già ... nel rivedere un documentario di quei giorni, per quanto abbia tentato di raccontare solo i fatti nudi e crudi...non si può che rimanere indignati... perplessi ...e anche commossi.

    RispondiElimina
  4. Paolo, hai detto bene, anche commossi.
    buona serata.

    RispondiElimina
  5. Sara,
    Grazie per aver condiviso uno stato d'animo.
    Buona serata anche a Te.

    RispondiElimina
  6. Io ho i ricordi di mio padre riguardo all'otto settembre. Un gran brutto periodo per i soldati lasciati allo sbando. Si pensava a salvar la pelle, così come aveva fatto il re che al contario doveva mostrare più dignità come capo di stato

    RispondiElimina