Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









giovedì 2 settembre 2010

L'UNICA REGOLA ... FORSE

Da quando è apparsa la Vita sul nostro Pianeta sotto forma di esseri monocellulari, fino alle forme più complesse e variegate, l’unica regola per sopravvivere è la capacità di adattamento.

La natura ha più volte mischiato le carte, distruggendo quasi fino alla totale estinzione dei suoi organismi viventi , ma queste catastrofi hanno decretato solo l’estinzione di alcuni forme di vita e costituito l’opportunità per altri di diffondersi con successo.

Tutto è in movimento, la crosta terrestre, il clima, l’atmosfera … e poi l’incognita dei materiali che dallo Spazio piovono sulla Terra …. La Vita è in continua evoluzione … nello sforzo di adattamento e di sopravvivenza … in un equilibrio precario ed instabile … in un ciclo che si rinnova …

La stabilità umana, quella della buona posizione, per intenderci è un illusione perché si vive giorno per giorno, sempre e comunque. Certo il buon senso pianifica e consolida i risultati del lavoro, ma come disse qualcuno "del domani non vi è certezza”… ciò che conta veramente è il presente … è il mettere un passo dopo l’altro, giorno per giorno, senza avere paura alcuna, confidando nel Bene e cercando di fare del proprio meglio.

8 commenti:

  1. Confido nel Bene e cerco di non fare del male...ma sono preoccupata seriamente per come gira il Pianeta.

    RispondiElimina
  2. Invidio il tuo ottimismo...
    un saluto

    RispondiElimina
  3. Pefettamente d'accordo Sir Paolo da Roma.
    "Il passato / appartiene alla memoria / e il futuro è una speranza/ che non sempre si avvera"

    RispondiElimina
  4. Dai Stella ...

    ...la notte insegue sempre il giorno, ed il giorno verrà ...

    per dirla alla Jimmi Fontana:-)

    RispondiElimina
  5. Mah Amalia ...
    ... di necessità virtù ...
    e poi Metastasio ammoniva ...

    Se gli interni affanni
    si leggessero in fronte scritti
    quanti mai
    che invidia fanno
    desterebbero pietà :-))

    RispondiElimina
  6. Donna Sara ...
    i Tuoi Versi non conoscono
    limiti Spaziali e Temporali ...
    Regni contemporaneamente sul Tempo passato, presente e futuro ... perchè con il Tuo Talento Tutto Ti è Concesso... anche di far aprire gli occhi verso il futuro e di dare Speranza ...che già basta solo averla poi ... vada come vada.

    RispondiElimina
  7. Già!:)
    Anche perchè ne il passato, ne il futuro esistono.Solo il presente.

    P.S. Hem mi spiace ma è tornato il templare ahah

    RispondiElimina
  8. Ciao Guernica
    ...ma il presente è come un albero che ha le sue radici nel passato e le foglie proiettate nel futuro ...
    c'è una sorta di continuità interattiva:-)

    Così come continuerò a leggerti in ogni Tuo stile... sia templare che svolazzante leggiadro:-D

    RispondiElimina