Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









giovedì 10 giugno 2010

ROTTA DI COLLISIONE

Sputare il rospo per sentirsi meglio...
Un esempio pratico per rendere meglio l'idea e forse per buttare alle spalle definitivamente un pò di rabbia residua...
Inizio estate di qualche anno fa.
Sono ingaggiato, lasciatemi passare il termine, come contabile di cassa o tesoriere in una missione, chiamo così il periodo di lavoro in questo caso di sei mesi, presso una sala bingo.
Nessun contatto con il precedente contabile che se ne andato via in modo astioso, risentito e per questo non si rende disponibile per alcun chiarimento o passaggio di consegne. Un collega si occupa esclusivamente del personale e dei rapporti con il consulente, non può essermi di aiuto e forse non vuole perchè è già scontento di suo per quanto riceve di paga che quando può preferisce... navigare su internet per fatti suoi e guardarsi i siti pornografici.
Il mio compito è di esercitare un controllo al centesimo del denaro che entra ed esce giornalmente dalla cassaforte e di quantificare al più presto l'entità dell'ammanco.
Non si tratta di pezzi di carta!! ma di denaro contante e sonante da contare, da controllare e da portare in banca.
Oltre a questo... adempiere alla specifica normativa di un'azienda che ha rapporti con i Monopoli di Stato e non sono poche le cose da fare.
Il mio primo pensiero ovviamente è stato quello di quantificare l'ammanco e controllare il saldo giornaliero in cassaforte.
A tale scopo utilizzo un foglio excell da loro predisposto, ma devo apportare delle necessarie modifiche se voglio raggiungere l'obiettivo che mi hanno prefissato.
Parto dalla giacenza di cassa del precedente collega, controfirmata ed accertata dal direttore...dopo di che procedo alla certosina e paziente ricostruzione delle transazioni giornaliere per un periodo di circa un anno!!
Le modifiche apportate al foglio excell, mi consentono di conoscere e controllare l'ammontare dei soldi in cassaforte da subito e di evidenziare le eventuali disposizioni di pagamento in attesa di giustificativi contabili.
Procedo su due fronti: uno è giornaliero corrente e l'altro chiamiamolo ricostruttivo, storico.
Intuisco che il problema del collega precedente è stato quello di gestire le somme di denaro che transitavano temporaneamente da una società e l'altra per ragioni di coperture di cassa, prestiti temporanei, l'altra di inquadrare l'effettiva natura dei flussi dai cambi monete delle slots...in meno di due mesi sono passato da una situazione al limite della ingovernabilità e della massima incertezza ad un'altra di controllo minuto fino a spaccare il capello.
L'ammanco c'era e non era di piccola entità.
La mia esclusiva preoccupazione era di ottenere al più presto il controllo della cassa per fugare qualunque possibile insinuazione...per questo come suol dirsi non ho guardato in faccia a nessuno e non sono sceso a compromessi possibili con chi di dovere.
Oviamente l'intento non è di dimostrare quanto sono bravo, ma esclusivamente di creare un rapporto basato sull'Onestà, sulla Fiducia e garantirmi se possibile,un margine di sicurezza "di almeno un palmo e quattro dita":-D (per la precisione è un'antica misura borbonica che equivale a 30 cm).
Dopo quattro mesi iniziarono le prime imboscate, gli attacchi concertati a cui mi sono difeso al meglio che potevo...ma il mio destino era già segnato... tant'è che dopo qualche mese fui sostituito da un compaesano del direttore...amico di famiglia...più adattabile, diciamo così, alla situazione.
In fine senza lode e senza infamia... perchè si lavora sempre per la pagnotta e non per hobby...va detto per completezza della storia:
Il pornofilo è stato mandato via...era anche lui un povero diavolo!
Dopo qualche mese sono stato ingaggiato per altri due mesi come tudor al paesano del direttore, pure un pò zuccone ma volenteroso ... compenso ragionevole ... orario flessibile all'ennesima potenza...forse una forma di risarcimento indiretta, un rigurgido di coscienza del direttore... una scaltra mossa? ... probabile un pò di tutto questo... sta di fatto che accettai l'offerta e perchè no... anche lusingato per il riconoscimento al mio lavoro.

4 commenti:

  1. Purtroppo finisce spesso così: le persone oneste vengono sacrificate perchè i disonesti hanno la voce più grossa. Che tristezza...!
    Rimane la consolazione di poter camminare sempre a testa alta. E non è poco.

    RispondiElimina
  2. quando si ha bisogno di LAURA' si accetta qualunque compromesso!

    RispondiElimina
  3. Angelo Azzurro
    ...Già non è poco davvero.

    RispondiElimina
  4. Enio,
    Mala tempora currunt

    RispondiElimina