Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









sabato 26 dicembre 2009

LA VERITA'







"Se ci rivolgiamo agli altri non per compiacerli semplicemente, ma in sincerità, dobbiamo mettere in conto che a dire la verità si finisce per ferire qualcuno, e che è impossibile che non capiti prima o poi"

Albert Schweitzer


Un'altra cosa che disse durante una sua intervista rilasciata nei primi anni 60 e che mi ha colpito in modo particolare:

"Vorremmo dire sempre la cosa giusta al momento opportuno o fare quello che è opportuno ... ma non sempre è possibile e molto spesso ci ritroviamo davanti ad una tomba a pensare queste cose. Tutto questo fa parte della Vita che lo accettiamo o no".
"L'avere la coscienza a posto è un 'invenzione del diavolo".

9 commenti:

  1. Verissimo. Capita, anche se non lo si fa con intenzione...

    RispondiElimina
  2. Va beh...la verità...e chi la conosce...ferire...secondo me bisogna essere sé stessi, ossia leali, onesti e, poi, chi vuole capire capisce...

    RispondiElimina
  3. Credo sia un rischio che si debba correre, però la sincerità per me è indispensabile, la verità è soggettiva: quello che per qualcuno è vero per altri è falso:quindi..

    RispondiElimina
  4. Angelo Azzurro,
    o se c'è l'intenzionalità ...
    non è per recare danno.

    RispondiElimina
  5. Marina,
    Per dirla tutta quella frase Albert Schweitzer la disse in un contesto dove si metteva da se in discussione ... lo accusarono di aver rifiutato un ospedale moderno ... Lui disse semplicemente che nessuno glielo aveva proposto e che comunque in una realtà africana, non avrebbe funzionato un ospedale concepito con una mentalità occidentale ...
    se riusciva anche solo a far morire in serenità un malato incurabile con i suoi animali ed i parenti vicini, già era qualcosa.
    Comunque se qualcuno sinceramente avesse avuto una proposta migliore o da ridire, lo avrebbe ascoltato apprezzandolo, anche se la verità per lui fosse risultata sgradevole.

    RispondiElimina
  6. Sara,
    credo che esistano delle verità assolute ...
    la realtà delle cose non può essere stravolta dalla mera percezione, altrimenti tutto è giustificabile, vivremmo nella pura anarchia e ognuno potrebbe fare quello che vuole.
    In campo medico la Verità ancor di più ha valore assoluto che non può essere sottaciuto,ne travisato (salvo incapacità diagnostiche).
    Molto spesso la dialettica arriva a costruire falsità per finalità note a chi le ha prodotte, basti ricordare le ragioni dell'invasione dell'Iraq e la diffusione di notizie circa la presenza di armi di distruzione di massa (batteriologiche e convenzionali).

    RispondiElimina
  7. Comunque Grazie
    Mie Sagge Amiche ...
    ciò che conta è l'onestà di fondo e la mancanza di volontà a ledere l'altrui sensibilità ...
    siamo pienamente d'accordo.

    RispondiElimina
  8. essere perfetti è impossibile... e poi cos'è la perfezione? Come fai sbagli sempre! Solo lui Schweitzer era semi perfetto (l'ho sempre adorato!).

    RispondiElimina
  9. Giusto
    Signora in Rosso
    mi fai ritornare in mente
    una canzone di quando ero piccolo ...
    la metto nel prossimo post:-))
    Un bacione

    RispondiElimina