Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









giovedì 3 dicembre 2009

LE QUATTRO DAME DELLA BORSA


Tristezza, Rabbia, Paura e Nausea.
Chi specula in Borsa conosce queste quattro Signore, perché prima o poi capiterà di trovarvisi a faccia a faccia con una di esse, e non lasciarsi dominare dalla loro influenza non è cosa semplice.

Non sempre si può vincere e capita pure di perdere anche quando si vince! per esempio quando realizzi un guadagno e il titolo continua a salire strepitosamente da farti mangiare le mani!
comunque sia quando si perde, denaro o occasioni di guadagno, si è Tristi.

La Borsa è sinonimo di pressioni psicologiche e sollecitazioni non comuni, essendo un terreno infido per la continua variabilità delle situazioni, per le numerose informazioni da gestire senza correre il rischio di non riuscire a prendere decisioni. Si ha a che fare con un demone, che trova albergo in noi e che ci snatura, ci sconvolge se non si è in grado di gestire.
Il fascino della Borsa è tutto nella scommessa in solitaria riguardo l’andamento futuro di un titolo o di un indice, e la conferma o meno delle nostre ipotesi. Il demone subentra o rivela la sua presenza quando si cercano conferme sulla stima di sé, quando ti lusinga e di da l’illusione dell’invincibilità e della superiorità verso chiunque.

La Paura ci dice che abbiamo ancora i piedi per terra … ma se ci parla durante un’operazione, vuol dire che ci siamo esposti troppo, che si va allo sbaraglio, “vada come vada” … che si è entrati senza considerare che le cose possono andare male, senza prevedere le dovute contromosse per evitare il Panico che paralizza o che fa agire senza lucidità perché la perdita è diventata reale e bestiale!
Quando parla la Paura occorre imparare a capire cosa vuole dirci, soprattutto imparando a gestirla, si impara a fronteggiare la minaccia che ci sta divorando forze nervose e che non si è ancora pienamente compiuta.

La Rabbia ci rende ciechi. Segue l’operazione in perdita, l’errore è di fronte a noi, tangibile e reale con i suoi effetti, ma preferiamo non vederlo e dare la colpa ad altri: l’operatore del borsino della banca è stato lento, oppure mi ha mal consigliato … tutta colpa del Direttore della tal Banca ecc …
Si avverte un torto subito e non conta se è vero o non vero … si sente Rabbia.
Nel Trading la Responsabilità dei propri errori è solo Nostra, comunque la si rigiri nessuno ti obbliga a fare o non fare … la decisione è solo Tua.

La Nausea è il senso di ripugnanza, il disgusto… la si prova quando si comprende di non comprendere le regole, perché non ce ne sono … perché è un gioco a somma zero … dove se qualcuno guadagna qualcun altro perde … in un contesto del genere è facile che ci siano notizie fatte girare ad arte … dove il detto o il non detto può fare la differenza … dove i bilanci mentono … dove le società di revisione … certificano la loro inadeguatezza … dove i gatti e le volpi sono dietro ogni angolo che ti propongono di usare il loro “Campo dei Miracoli” per fotterti i tuoi sudati quattro soldi … Impari che “Unica Regola, Nessuna Regola” il gioco sporco è una realtà a cui è meglio farci l’abitudine (“meglio pensare male” diceva Andreotti e non aveva tutti i torti).
E’ normale provare Disprezzo e voglia di mandare tutti a quel paese e dedicarsi ad altro di più gratificante non solo personale ma soprattutto sociale. Meglio un lavoro umile, che ti da pochi soldi che ti da il piacere di vivere, meglio capire che il denaro non è la chiave della felicità … che non è il metro di misura del valore di un essere umano …

Chi pensa di fare soldi presto e senza fatica s’inganna, la Borsa non è un gioco … richiede metodo, disciplina , studio costante …. con la consapevolezza che sono necessari, ma non sufficienti per decretare il successo … che se arriva è per bravura ma anche per fortuna … che quelle condizioni che ci hanno permesso di realizzare un guadagno non durano e tutto può stravolgersi da un momento all’altro.
Se le mie parole potessero servire a dissuadere anche solo una persona, ne sarei felice … gli direi, proprio in questi giorni che la borsa è positiva e mostra le sue grazie, che la Vita è bella … che ci sono cose ben più importanti e modi migliori per guadagnarsi il pane, di non lasciarsi ingannare che questo non è il modo più semplice per guadagnare soldi … come potrebbe sembrare guardando molto, ma molto in superficie.

2 commenti:

  1. Banca, Borsa..... è vero, per guadagnare ci vuole impegno e disciplina.... io per scelta non faccio investimenti a rischio (che noi poi stare tutto il giorno a controllare i rialzi o meno) ..... Impegno e disciplina comunque non bastano. Faccio mio la frase preferita di un mio amico : "contro cul* , ragion non vale!"...
    Ciao belè !
    Buba

    RispondiElimina
  2. Ho la febbre, ma da sempre penso, che il rischio mi piace se calcolato. Fermarsi sempre un attimo prima...

    E mi piace investire in immobili se posso.

    RispondiElimina