Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









giovedì 26 novembre 2009

PREGO ... "IL CONTO"!!

Prima o poi l’Oste presenta il suo conto. Qualunque scelta si faccia, sempre un prezzo dobbiamo pagare. Questa verità ci accomuna tutti … anche chi si ritiene in una botte di ferro e al sicuro da qualunque problema .. perché la precarietà non si associa solo ad un certo tipo di lavoro, ma è condizione dell’umana esistenza.
Questo è il concetto “perno”del mio blog … mi direte che è la scoperta dell’acqua calda, ma spesso ci si dimentica di questa imprescindibile realtà che ci accomuna tutti, nessuno escluso.
La Vita è Vita sempre e comunque, anche quando sembra ristagnare o essere di fronte ad un vicolo cieco … sono solo illusioni, perché nella vita tutto è destinato a cambiare ineluttabilmente.
Provate a fermare il tempo della felicità, oppure considerate se la disperazione può non avere fine … le cose cambiano anche se in certi casi vorremmo credere che così non è. Ciò che non cura ammazza, ma se si guarisce ci fortifica … anche i colpi della sorte sono porte che aprono nuovi scenari, nuove possibilità.
Alla fine della fiera non conta se abbiamo realizzato un percorso comune a tanti, in base ad un cliché, o abbiamo fatto un percorso originale e differente … quello che conta è la Vita in sé, a prescindere dai giudizi che se ne possono ricavare da chi osserva e spesso giudica senza conoscere e vede solo quello che vuol vedere.
Il “Fottetenne” è conseguenza di questa presa di coscienza … l’etichetta di buono, bello e bravo o di cattivo, brutto ed imbecille sono spesso interscambiabili … mutano continuamente da chi ci osserva e da come ci osserva e dalle sue finalità; ma quello che non può e non deve cambiare è la consapevolezza di fare comunque del proprio meglio ... per quanto possibile e di più ... Sempre.

10 commenti:

  1. Riflessioni giustissime ... Bravo il nostro Paolino :)

    RispondiElimina
  2. Non è passato molto tempo che ho fatto la stessa riflessione! Niente rimane uguale a se stesso, niente si mantiene. Tutto l'universo è in continuo movimento e in questo divenire noi percorriamo la nostra strada. La felicità è effimera, come pure la tristezza non è infinita.
    Importante è non perdersi. Forza Paolo, che arriveranno anche i giorni di sole!

    RispondiElimina
  3. "si sta come d'autunno sugli alberi le foglie"

    RispondiElimina
  4. Grazie Stella:-)
    il Tuo Giudizio
    è per me Prezioso

    Un Abbraccio

    RispondiElimina
  5. Zoè ...mia tenera
    "analizzatrice dei sogni"
    mi sento rassicurato,
    dalla tua conferma:-)

    Bacione

    RispondiElimina
  6. Angelo Azzurro,
    chiamiamola empatia?

    Senti ho già
    preparato gli occhiali
    e l'olio contro
    le scottature
    per godermi in pieno
    il Sole:-D

    Un Bacio

    RispondiElimina
  7. BB
    Spero che siano foglie su una quercia,
    durano di più...

    Per rilassarmi,
    mi leggerò le tue poesie.

    Smach

    RispondiElimina
  8. Marina,
    si nota tanto?
    Vabeh, una bella camomilla
    e torna il sorriso mentre dormo...ehh

    Sbaciuk

    RispondiElimina