Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









martedì 13 ottobre 2009

UN MESSAGGIO DA UNA CARA AMICA

da Sara Galea

Oggetto: Salve mondo ...


Oggi ho avuto l’onore e la gioia di vivere una forte emozione, intensa e carica di sensazione, sono stata all’inaugurazione di un’associazione di genitori con figli autistici ‘’ I figli delle fate ‘’ c’erano questi bambini e ragazzi meravigliosi, avvolti dal loro modo di esistere la vita, ovvero dal modo in cui la vita ha voluto farsi vivere da loro.
Nella sala, tra le grida dei bambini e dei ragazzi più grandi, grida non di gioia ma della loro impotenza a poter comunicare, esisteva una dolcissima atmosfera di amore, madri come fate, stanche nel volto, amorevolmente custodivano i loro tesori, dovendo condurli in ogni dove loro volessero andare, i padri avvolti di lacrime, tanto da non riuscire a parlare ed io … io mi sono sentita in colpa perché i miei figli sono normo dotati, e mi sono sentita inutile perché loro mi hanno ringraziata soltanto per essere andata lì, per aver porto loro un sorriso, per aver letto una fiaba che con amore hanno scritto per l’inaugurazione dell’associazione e … e quella colpa che mi viveva nel cuore si è sciolta in lacrime, perché la sofferenza che vedevo nell’anima di queste persone che si sentono abbandonate dalle istituzioni, dai genitori di figli ‘’normali’’, ed a volte anche dalle loro forze, era però intrisa d’amore, lì c’era grande amore, amore che cerca il conforto nel disperato bisogno di essere uniti nella loro disperazione, nella loro umile richiesta di sentirsi presi per mano, aiutati nel super lavoro che la vita gli ha imposto, ma colmi di speranza, erano sorridenti e collaborativi, stretti nell’unico aiuto che potevano ricevere, il loro stesso aiuto, felici ma delusi dall’essere stati esiliati da chiunque.
Ho visto e poi vissuto io stessa dolci lacrime d’amore, lacrime colme di generosità di queste madri e padri che hanno visto esistere la fine della loro esistenza dovendo interagire con un male grande ed acre proprio nelle loro creature, chiuse in un silenzio assordante, silenzio pieno di sofferenza e violenza verso loro stessi ma …. Non vivevano un pianto di rabbia ma solo di dolore e stanchezza, stanchezza che però si gratificava mirando quei figli avvolti nella loro prigionia; seppur disperati, esistevano un meraviglioso sorriso.
Un ragazzo autistico di 21 anni, Marco, il figlio della presidente dell’associazione pugliese ‘’ Centro Universo Autismo’’ ha cantato una canzone di Renato Zero, emulando i movimenti e le intonazioni dell’amato cantante, tra le lacrime della mamma Maria Pia fiera di questo figlio che è riuscito ad uscire dalla sua prigionia; Lo ho registrato e custodisco gelosamente ora nel mio PC, insieme alla speranza che io riesca in qualche modo a dare qualche cosa di me a queste madri ed ai loro tesori, non so cosa, non so come, ma so che il fatto che io sia stata fortunata non mi deve significare che devo chiudere gli occhi e non vedere le lacrime degli altri, non ci riesco e per questo spero nella bontà di tutti coloro i quali ora come me sentiranno amore per chi vive un disagio, ed anche per le loro famiglie, perché altrimenti che senso avrebbe vivere?
Pensiamo a chi vive una disabilità come fossero nostri figli o fratelli, porgiamo loro un sorriso, il nostro appoggio, la nostra presenza, sarà soltanto dare amore a noi stessi nel mentre renderemo meno sofferente chi vive isolato nella sua disperazione!Vi prego, aiutatemi in questo, vi chiedo solo di amarli e mostrarglielo, ma non perché ve lo sto chiedendo io ma semplicemente perché loro sono noi e noi loro e se noi fossimo stati effettivamente loro ,nella vita concreta avremmo voluto il loro amore!.
Buonanotte e buongiorno di vita a presto Sara Galea
Aggiungo i versi di un' altra grande, Sara Rodolao, che qui assumono un significato particolare:
....Io sono e tu sei,
semplicemente siamo,
io sono e tu sei:
accordi infiniti ....

12 commenti:

  1. bella lettera quella della tua amica Sara!!!
    allora buona vita ;-)

    RispondiElimina
  2. Grazie Paolo
    Grazie Pupottina, Buona vita a te

    RispondiElimina
  3. Commovente testimonianza, sento queste parole navigarmi dentro e arrivare nell'angolo più recondito dell'anima, brava Sara e bravo Paolo a riproporre il tuo scritto.
    Paolo:
    NON SONO UNA GRANDE!...Supero a malappena al metro e cinquanta...

    RispondiElimina
  4. grazie Sara, per la testimonianza, grazie Paolo che l'hai fatta conoscere.

    RispondiElimina
  5. Paolo,
    non sono riuscita a leggere che mi stavo mettendo a piangere, sono stanca oggi: ho il volto di quelle madri...
    Grazie comunque.
    Marinariannachiara

    RispondiElimina
  6. Grazie Sara.
    Sono sensibile al disagio...soprattutto dei bambini. Ne ho parlato spesso nei miei post...
    Vedi : una rosa blu e il nuoto che aiuta molto i bimbi autistici...bimbi speciali!

    RispondiElimina
  7. FUORI TEMA: non so ballare, SONO TOTALMENTE SCOORDINATA E DA QUANDO I MIEI AMICI MI HAN VISTA LA PRIMA VOLTA DILETTARMI CON LO SKA, hanno la certezza che nel mio dna non c'è un minimo di coordinazione...però, ballo lo stesso volentieri! è liberatorio... poi magari leggerò anche il post, poi.

    RispondiElimina
  8. Ora ho letto, accidenti! Ci sono nobili cause e nobili cose in giro per il mondo, e non tanto in giro anche direi. Bello, molto.

    RispondiElimina
  9. Sara,
    nella sua lettera ha saputo dire cose importanti con semplicità...per questo arrivano subito al cuore...e per me è stato un piacere dopo averle lette e su richiesta della stessa Sara averle accolte in questa sede...una goccia nel mare...ma è bello sentirvi tutte così sinceramente toccate dal tema e vicine..in modo particolare Marina...la nostra Marina che non finisce mai di sorprenderci a noi tutti con la sua calda e diretta romanità...e per la sua tenacia di Madre...gli vogliamo Tutti Bene e questo spero che arrivi a quella Testona e al suo Compagno...quel di Como...perchè tutti noi la sentiamo speciale nella sua normalità e semplicità e gli Auguriamo veramente una Buona Vita, credo... che ne abbia proprio diritto;-)

    Yrom...capoccetta:-)) grazie della visita e della tua giovialità...lascia perdere i pensieri che svalvolano il cervello e... Vivi semplicemente con la tua prorompente Vitalità e Simpatia...non ti occorre altro, credimi!

    RispondiElimina
  10. Buon Giorno Assai Carissimo Paolo,
    le tue non sono solo parole, ma dolce musica celestiale che parte dal tuo prezioso cuore, dai mondi dell'anima per essere un meraviglioso fiore al contemplativo cuore di tanti cari amici.

    NOI SIAMO GLI ALTRI. che bella verità hai detto carissimo amico mio.

    Quell'immenso cosmico mare non poteva essere contenuto e neanche compreso per questo, per tanto amore si è frammentato in tante gocce di cristallina acqua racchiuse in tante assai diversificate scure o chiare bottiglie.

    RispondiElimina
  11. Grazie Raffaele
    le tue parole mi sono, in un certo senso, di sostegno...a volte temo di straripare...quando mi faccio prendere dalle situazioni e finisco per immedesimarmi...

    RispondiElimina
  12. Nel tuo petto vibra d’amore un saggio nobile radioso cuore.

    RispondiElimina