Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









mercoledì 23 settembre 2009

TAGLIA CH' E' ROSSO!

Con questo grido i cocomerari attiravano l'attenzione per invitare i passanti a gustare il saporoso frutto dell'estate.
I Romani l'adottarono a significare "l'abbandono di ogni esitazione o riguardo", o nella sua forma abbreviata "E Taglia!" per dire "smettila o vattene".


Belli la usa in in un sonetto (vol. I. 144), in cui un popolano. pur non scusando il terribile atto del fratricida Caino, ne esplora l'animo amareggiato dall'inutiltità delle proprie offerte e perciò sconvolto dall'ira e dalla gelosia, onde a un dato momento rompe ogni indugio e passa all'azione delittuosa:

Ma quer vede ch'lddio sempre ar su mèle
e a le sue rape je sputava addosso,
e nó ar latte e a le pecore d'Abbele,
a un omo com' e noi de carne ed osso
aveva assai da inacidije er fèle:
e allora, amico mio, taja ch'è rosso.
Non si esclude che alla frase si desse significato del taglio della testa. Ne dà autorevole testimonianza il Chiappini nel sonetto "in sala de su' Eminenza":

Sappi ch'er papa... ma per cristallina
Fa' l'omo.., er papa, intesa 'sta pappina,
Ha fatto fa' le cajottine nòve.
Taja ch'è rosso! Co' 'sta gente tanto
Nun ce vò ne pietà nè compassione...
Gnentaccio. Appena je se dà de guanto...
Je se taja a dirittura er coccialone;
Poi doppo se farà un brav'anno santo..,
E aritrionferà la riligione.

9 commenti:

  1. Interessante!Non ne sapevo nulla.
    Stamattina riflettevo proprio sul fatto che avere un blog arricchisce se si seguono quelli giusti ;)

    RispondiElimina
  2. Bello, bello!Romana de Roma e ne ero all'oscuro...Grazie Paolo!!!

    RispondiElimina
  3. Guernica
    il Tuo Blog è stato il primo in assoluto che ho letto ... e dove ho posto il primo commento...forse in origine ti ho scritto anche un'e mail...comunque sia...il nome ed il quadro, prima...poi i contenuti mi hanno colpito da subito.Non pensavo che ne potesse scaturire una così bella amicizia...

    RispondiElimina
  4. Viola
    Grazie della visita... ammiro la tua determinazione ... spero ... un giorno di aver modo di assistere ad una tua performance da attrice... e poter dire a chi mi siede a canto...quella ragazza la conosco :-))

    RispondiElimina
  5. Certo che tra il tagliar la testa e tagliare il cocomero...
    magari qualcuno a suo tempo s'è pure confuso sentendo il grido! :))

    RispondiElimina
  6. Ciao Carissimo Paolo,
    mi è piaciuta tanto, e soprattutto quella battuta finale che dice:e prima si fa male ad una persona e magari dopo per il trionfo delle chiesa la si fa diventare santo.
    Quante nascoste verità ci vengono tramandate anche con piccoli sonetti.
    Una Buona Serata Carissimo Paolo.

    RispondiElimina
  7. Già... Angelo Azzurro... divenne una situazione piuttosto seccante...a causa pri quo quo...il papa allora decretò...che al grido "taglia ch'è rosso" non si dovesse far altro che recitar una preghiera e non metter mano al coltello, e meno male :))

    RispondiElimina
  8. Sonetti e detti popolari...tramandatici dicono molto...la cosa che più colpisce è quanti modi hanno escogitato per torturare ed uccidere durante l'inquisizione...che la domanda sorge spontanea...ma tutto questo che ci azzecca con quanto ci insegnò Gesù?

    Buona giornata
    a Te Raffaele

    RispondiElimina
  9. Per non parlare di Giordano Bruno bruciato da questa nostra apparente cristianità, cieca fede che dal vero messaggio evangelico di Gesù si è monto allontanata e purtroppo anche in questo nostro sfrenato tempo assai materialistico e assai consumistico.

    Vedi Gesù ci aveva annunciato la sua continua presenza SARO' VICINO A VOI FINO ALLA FINE DEI TEMPI.

    Se ti dico che Giordano Bruno come tanti altri saggi istruttori era stato Gesù ritornato tante volte ci crederai?

    Se ti dico che Anche Rudolf Steiner anche lui era Gesù ci crederai?
    (dai un occhiata alla sua biografia che trovi in tanti link o su questo http://www.uniurb.it/Filosofia/bibliografie/steiner/index.html)

    Ciao Carissimo Paolo, una Buona Giornata al Tuo Prezioso Amorevole Cuore

    (se desideri approndire altre tematiche esistenziali ne ho tante, basta dirlo e niente di più, per un angelo ritornato in questa terra questo ed altro.)

    RispondiElimina