Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









lunedì 21 settembre 2009

A MIO PADRE



Il 21/09/1987, era un lunedì, alle 17,50 ...
Ti sei addormentato per sempre....
qui in casa ...
così quella volta ci hai sorpreso a tutti
.
come un fulmine a ciel sereno.
L'unica consolazione
è che ci hai lasciato anche in quella
circostanza
.
un sorriso ...
mentre noi ci guardavamo increduli,
impotenti, disperati ....
quasi ci volessi rassicurare ...
.
Papà, Grazie ancora per....
Ciò che sono oggi ...
per tutto quello che mi hai insegnato
non solo a parole ....
.
ma con l'esempio del tuo agire ...
con il tuo sorriso e la tua bonomia ...
la voglia di scherzare e di vivere
con ottimismo e forza d'animo
.
senza farti scalfire
dagli smacchi o dalle delusioni ...
semplicemente Dimenticando
e Perdonando.
.
(Pero in fiore di Vincent Van Gogh)

10 commenti:

  1. Ti comprendo e ti abbraccio.

    RispondiElimina
  2. un ricordo molto toccante e ricco di umanità, Paolo...le regole della vita sono spesso troppo più grandi di noi, ed insondabili...non resta che accettarle fiduciosi...mi ha colpito la postività della figura del tuo papà...

    RispondiElimina
  3. E' bello poter ricordare il papà che ci ha insegnato a vivere...
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  4. Buon Giorno Carissimo Paolo,

    se solo capissimo che oltre a rievocare quel dolci ricordi della memoria che ci rapportano con i nostri immensi amori è possibile attraverso il SILENZIO INTERIORE connetterci con la nostra vera natura animico spirituale che tutto ci può mostrare, anche gli essere disincarnati assai cari al nostro cuore.

    Ma prima dobbiamo adattare la nostra rata armonica, la nostra vibrazione alla vibrazione del corpo di luce superiore.

    E’ necessario predisporre, arare, concimare quel terreno, per poi seminare con tanto sentimento, per poi far germogliare e far fiorire quei meravigliosi gioiosi radiosi variopinti festosi fiori, per espandere la visione, per richiamare ed accogliere quella benevola saggia laboriosa armoniosa divina APE, affinché quella luce, dai mondi spirituali attraverso l’anima arrivi in questo nostro assai celato essere interiore, affinché quella meravigliosa luce possa manifestarsi fuori attraverso tante sentite vibrazioni che con tanto amorevole sentimento partano spontanee e sincere da quel meraviglioso organo che chiamiamo CUORE.

    La grande illusione è dovuta soprattutto al condizionamento religioso indotto (che non è quello che Gesù predicava) che ci limita e si limita solo a quell’ETERNO RIPOSO NELL'ATTESA DI QUEL FANTOMATICO RISVEGLIO DELL'ESSERE CHE PASSA PER UN GIUDIZIO UNIVERSALE A QUELLA RINASCITA O A QUELL'INFERNO. Mentre la vera dinamica natura dell'essere spirituale, dopo poco tempo (quel tempo necessario di spogliarsi di tutte quelle induttanze e di tutti quei involucri necessari alla vita biologica/materiale) è già operativa soprattutto nei mondi superfisici, nei mondi energetici, nei mondi superiori, nei mondi spirituali che meglio si identificano con la propria raggiunta evoluzione spirituale.

    Anche se per qualcuno può sembrare pazzia, non ordinario, fuori del comune, io parlo TELEPATICAMENTE con il mie immensi AMORI, e soprattutto con il mio meraviglioso assai radioso angelo, colui che è stato mio figlio ORAZIO in questa vita.

    SAPPIATE SOLO CHE L'ESSERE E' IMMORTALE E SOLO L'AMORE PUO' ABBATERE OGNI ILLUSORIO VELO OGNI BARRIERA SPAZIO TEMPORALE.

    Parlate nel silenzio interiore con i vostri cari immensi amori e prima e poi vedrete che parleranno e si faranno vedere al vostro cuore.

    Scusami Carissimo Paolo per queste mie insensate parole, ma sincere sono dette dal mio cuore.

    RispondiElimina
  5. Paolo, molto belli questi pensieri per il papà.Non parlo strettamente della forma ma del senso di gratitudine che contengono.Credo sia una delle gioie della vita quella di riuscire ad esser grati ai propri gnitori.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  6. Caro Paolo, bella poesia, intrisa di dolce nostalgia. Forse io l'ho conosciuto, ma non sono sicura, mi mancano alcune informazioni...conoscevo una famiglia che abitava dove tu mi hai detto( via de Santagà)però non so se era la tua.
    ciao e ricordalo sempre in questo modo.

    RispondiElimina
  7. Caro Paolo, questo post ti fa onore. Rivela una sensibilità che è diventata dote di pochi ormai.
    Belle parole, soprattutto quando ricordi l'esempio che è stato tuo padre e il fatto che ha forgiato la persona che sei.
    Un saluto al tuo "vecchio" che sta lassù!

    RispondiElimina
  8. Vi Ringrazio per tutto quanto mi avete fatto arrivare da Ognuno di Voi...
    Sono rimasto piacevolmente sorpreso dall'aver trovato tutti i Vostri commenti nel segno del Calore e della Simpatia...condividere non è sempre facile...e devo dire che non sono mancate le remore personali ...
    ma ne è valsa la pena ...

    GRAZIE

    RispondiElimina
  9. Eccomi,
    spero che papà non abbia sofferto, per il resto:

    "Perché ho il profondo sospetto che la morte non esista. Si cambia, ecco tutto. Fino a raggiungere la radiosità."
    (Gabriele La Porta - COINCIDENZE MIRACOLOSE)

    ...io la penso così.

    Non temere. Un bacio. Marina.

    RispondiElimina
  10. No! non ha sofferto ...non ho avuto questa percezione ... anche se tutto si è svolto in un lampo...
    Credo anch'io in una vita ultraterrena, non solo per una convinzione che mi deriva dalla Fede, ma sprattutto dalla forte sensazione di avvertimento della sua presenza, e ragionando con il senno del poi, in particolari situazioni delicate della mia vita.

    GRAZIE :-))
    Bacio

    RispondiElimina