Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









domenica 27 settembre 2009

IL RESTO DELLA TELA DI SARA



La poetessa e scrittrice Sara Rodolao, ha all’attivo quindici pubblicazioni nell’arco di quattro lustri: dieci raccolte di poesie, tre di racconti, due romanzi.
Il prof. Roberto Trovato, docente di drammaturgia al Dams di Imperia dice:
" la poesia della Sig.ra Rodolao si caratterizza per la capacità di osservare, stupendosi ogni volta, la natura in diverse stagioni e in diversi luoghi, e nel contempo di ascoltare la voce del vento, del mare, degli alberi, degli esseri viventi, e di percepire il profondo di terra e alberi, manifestando il bisogno di vivere appieno la vita con una gioia venata a tratti di malinconia. In molti versi è marcata anche l'esigenza, rivelata in tutta evidenza di spiccare il volo verso il mare, come l'aquila del mare per raggiungere spazi sconfinati".

L’ultimo romanzo"La Vestina d'organza", pubblicato nel 2009, a cura del Centro Editoriale Imperiese, è ambientato nella Riviera Ligure di Ponente negli anni 60/80. Il romanzo racconta il travagliato viaggio a ritroso nel tempo di Cecilia Collia, personaggio principale, donna forte e determinata a difendersi dalla propria ignoranza, raggiungendo attraverso il Sapere traguardi non scontati,la sua necessità di verificare il trascorso immergendosi umilmente nelle vicende che hanno costellato la sua lunga esistenza; un'esistenza fatta di fatica, di sogni mangiati dalla realtà,riscattata dall'Amore che ha saputo dare senza riserve, dalla consapevolezza di essere arrivata al "traguardo" senza mai tradire se stessa.

Dice l'autrice “Non ho inserito nessuna prefazione perché vorrei fosse l'eventuale lettore a trarre le sue coclusioni, tramite le emozioni che la storia riuscirà a trasmettergli, senza essere influenzato da suggerimenti di nessun tipo. Vorrei fosse il lettore a dare il senso che riterrà appropriato alla narrazione, ai singoli personaggi e, sopratutto alla protagonista, Cecilia: "personaggio semplice di una storia complessa". Mi gratificherebbe se la storia di questa donna"orfana di una carezza", fosse in grado di stimolare qualche minuto di riflessione sul senso del suo trascorso, approdando alla verità rivelata del romanzo: alla fine del viaggio conta soltanto l'amore che abbiamo saputo dare, senza condizioni".

E ora il testo di una poesia della Bella Sara:

SE NON TI AVESSI INCONTRATO

Se non ti avessi incontrato,
nell'allegria di quella sera imprevista,
avrei continuato a cercarti
per il resto dei giorni,
consumando scarpe e piedi;
avrei abbattuto il muro del visibile,
finchè oltre la parabola dei giorni
non ti avessi ritrovato:
( In un cantuccio di me
custodivo un tempo
fatto di noi
in una vita senza tempo)
...Sei l'ultima rosa
sullo stelo dell'inverno
e l'erba ormai fieno
rimpiangeva l'estate...
Se non ti avessi riconosciuto
nello sfiorarsi lieve delle mani,
avrei continuato a cercarti
sulle rive del tramonto e oltre la sera,
ricurva come un salice
sulla nostalgia...
se non ti avessi incontrato.
.
( questa poesia tratta dal libro" I FICHI DI OTTOBRE" ha vinto il Primo Premio" LA PIU' BELLA POESIA D'AMORE 2009" ad Alassio)
.
.
Questo post sia di Buon Auspicio e di Stimolo alle tre Grazie:
alle prese con le loro fatiche letterarie e vicine al traguardo della pubblicazione.

7 commenti:

  1. benvenuto nel mio blog ! a presto.....

    RispondiElimina
  2. il libro mi intriga molto e poi la protagonista al mio pseudonimo. la poesia è incantevole.

    RispondiElimina
  3. PAOLOOOO!!!!
    E adesso cosa posso dirti? Che sono grata? che sono commossa? che sono stupita? che sono senza parole? che mi batte il cuore?
    ...non credo che questo renda quanto vorrei dire.
    Mi accorgo da quanto scrivi che i miei libri li hai letti( alcune cose si trovano all'interno e non nei vari articoli di giornali o altro che si posso trovare in rete)...abiti a Roma...quindi mi illumini?
    Caro Paolo hai fatto una cosa meravigliosa per me, ed io sono una di quelle persone che apprezzano e non dimenticano mai chi dona spontaneamente anche solo un sorriso.
    Vorrei omaggiarti di qualche mia pubblicazione non più in commercio perchè esaurita, se mi fai avere l'indirizzo via mail provvederò con molto piacere.
    GRAZIE,GRANDE PAOLO,
    grazie... un brindisi all'Amicizia e sia colma la coppa dell'Ambrosia Dell'ARTE!!
    BUONA DOMENICA

    RispondiElimina
  4. Grazie dell'augurio,Paolo.
    Spero di terminare presto il mio ultimo romanzo e di "crescere" anche grazie a te!
    Un caro saluto per un'eccellente domenica.
    Daniela

    RispondiElimina
  5. :)
    Tanti auguri a tutte!!!
    Sara la seguo ed ero al corrente delle sue doti letterarie.
    Tu sei davvero una grande persona.Hai la dote di saper rendere omaggio alla vera amicizia.

    RispondiElimina
  6. Caro Paolo, conosco personalmente Sara e ho letto alcune sue pubblicazioni.E' una poetessa che suscita emozioni particolari, ha la capacità di coniugare al presente tutti i suoi pensieri più interiori coinvolgendo emotivamente chi legge le sue liriche e chi le ascolta.
    Martedì sarà ospite a Torino a Radio Italia 1 nel programma culturale " Dimensione Autore " e credo che saprà subito conquistare il cuore dei Radioascoltatori .
    Ciao Stella

    RispondiElimina
  7. Sei una persona tanto affettuosa Paolo e qesto è di per sé una grandissima qualità. Grazie, grazie dell'augurio.
    Marina Morelli

    RispondiElimina