Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









sabato 26 settembre 2009

CONTRO LA GUERRA A MODO MIO



La guerra è una sporca faccenda .... ma chi la fa sul campo di battaglia, ci mette l'Anima, perchè non sono solo i soldi che contano, ma ci sono i compagni d'arme, lo spirito di corpo, il senso di appartenenza. L'essere un anello di una catena, e non vuoi essere l'anello più debole, perchè in gioco non c'è solo la tua vita ma anche quella dei compagni che si Affidano a te.
Non è una questione di soldi, ne di ideali di destra o di sinistra... no! se ti esponi di slancio per aiutare un commilitone ferito o in difficoltà.... a costo della tua vita.

La guerra è una brutta cosa.... mio Padre l'associava alla sporcizia, quella vera.. che ti rimane a dosso sempre.... e il senso di schifo ... glielo leggevo in faccia dopo tanti anni ... mentre io giovane inconsapevole gli mostravo con orgoglio la mia "piccola armata di soldatini" ....

13 commenti:

  1. BACI BACI BACI E ANCORA BACI carissimo Paolo ;)
    chissà .. tutto questo amore che cerchiamo di dare all'Altro prima o poi farà finire ogni sporca e assurda guerra .... Non smetterò mai di credere che la Pace possa davvero arrivare prima o poi .. Buon Fine Settimana :)Zoè.

    RispondiElimina
  2. Ohhh...♫♥♫♥♫♥♫♥
    Ma quanto me piace
    sto Commento :-D

    Buon Fine
    settimana
    Gioiosa Zoè

    RispondiElimina
  3. A parte la canzone di De Andrè che è una pietra miliare fra il repertorio del grande, trovo la tua riflessione appropriata. La guerra è una sporca faccenda, ma chi si trova coinvolto non può pensare solo a se stesso: è una questione di vita o di morte.
    Finiranno mai le guerre? No, finchè ci sarà l'uomo.

    RispondiElimina
  4. Chissà il giono che spariranno tutte le frontiere, ma senza essere globalizzati... vivere come cittadini del Mondo, ognuno come gli và ... basterebbe, forse...

    Buon fine settimana
    Angelo Azzurro :-))

    RispondiElimina
  5. "Devi sentirti fortunata, ad essere arrivata sulla terra a guerra finita, sarebbe bastato poco e anche tu avresti vissuto la tragedia della seconda guerra mondiale, ricordalo sempre:il destino con te è stato generoso.
    La guerra rende gli uomini peggio delle bestie; infetta la parte sana del cuore e della testa, togliendo valore alla vita.
    In guerra, i popoli diventano soltanto numeri da registrare sulle liste dei belligeranti; l'odio riduce a niente, corrode come la lebbra, lasciandosi dietro solo morte e rovine.
    Beato chi la guerra la studia solo sui libri di scuola. Grazie a Dio, io posso testimoniarlo...sono scampato all'inferno."
    Caro Paolo, questo passo è tratto dal mio ultimo romanzo " LA VESTINA D'ORGANZA" e rivela il mio pensiero in fatto di guerra.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  6. Rende molto bene l'idea dell'abbrutimento dell'uomo a causa della guerra, e chi parla deve aver molto sofferto.
    Cara Sara, chissà magari da piccola avrai conosciuto mia sorella, Rosalba Falconi, anche lei come la protagonista del tuo bellissimo romanzo vestiva di organza nei giorni di festa ed è nata pochi anni dopo la guerra, nel quarto anno di ricorrenza del giorno della liberazione di Roma, il 6 giugno.
    Quella bella bambina nella foto del tuo libro, sei Tu? :-)

    RispondiElimina
  7. Mi spiace ma nel 1963 ero piccola anche io e non mi ricordo di tua sorella che vestiva d'organza(che bello).La famiglia che conoscevo aveva il cognome come il tuo, ed aveva un negozio di abbagliamento in via Cascione a Porto Maurizio.
    La bambina della foto non sono io: è mia figlia.

    RispondiElimina
  8. purtroppo la guerra è un fatto fisiologico, o lo hanno reso tale.
    ciao, paolo

    RispondiElimina
  9. Ciao Carissima
    Maria Rosaria,
    già... è come se l'uomo dovesse provare se stesso il suo valore ... e così ad ogni dichiarazione di guerra si assiste ad una festa! di giovani in parata ed in borghese che vanno in contro all'incerto destino... è stupendo il film del 1933 "Niente di nuovo sul fronte occidentale" ispirato al omonimo libro di Erich Maria Remarque.

    Un Bacio
    bella Rosa.

    RispondiElimina
  10. Sara :-))
    mi sono permesso di raccogliere un po di notizie sul tuo ultimo libro e ne ho ritagliato un post che domani pubblicherò, sperando di farti cosa gradita.
    Ovviamente non è una recensione perchè non ne hai bisogno, visto le tua notorietà ... e tenuto conto della limitata diffusione del mio blog...ma è il mio modo di RINGRAZIARTI per la tua calda Amicizia.

    RispondiElimina
  11. Grazie a te Paolo,
    non mi sbagliavo dicendoti che Sei UNA BELLA PERSONA.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  12. Noi che non abbiamo vissuto la guerra siamo persone fortunate...per questo dobbiamo aiutare e fare in maniera che nessuno viva questa brutta esperienza!

    RispondiElimina
  13. Ciao Giuliana
    Gia'...è una bella responsabilità che abbiamo...

    Ti auguro
    Un buon Inizio
    di Settimana

    RispondiElimina