Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









lunedì 28 settembre 2009

BAGLIORI DI GRATITUDINE

Ieri mattina, approfittando dell’apertura domenicale dei centri commerciali, ho fatto rifornimento di cibarie per la settimana entrante. Nello scegliere la frutta, a fianco mi accorgo di una signora anziana, intenta a fare lo stesso. Scambiamo qualche parola sulla dieta, sui prezzi la qualità del cibo, sulla convenienza del pangasio e di qualche timore perché pesce di fiume, vietnamita, che tra defoglianti e mille diavolerie usate durante la guerra, qualche dubbio su quella bella carne bianca viene...va beh che pure il nostro mare è quello che è! Mi parla come se fossi suo figlio, non c’è diffidenza nei suoi gesti o nelle sue parole e questo dopo avermi guardato per un po’ … credo di aver superato un esame.
Il tono è confidenziale, mi elenca la sua dieta settimanale, e mi dice quanti giorni gli dura un litro d’olio … l’ascolto … sorrido e provo tenerezza e gratitudine … saluto … la sempre più contenta vecchietta.

A ritorno, fermo al semaforo di un incrocio, non ho potuto far a meno di osservare una donna, una rom che si aggirava, con la spatola per tergere i vetri, tra le auto in sosta.
Avrà avuto tra i venti e i trent’anni, non è facile indovinare l’età, il più delle volte sono più giovani di quello che sembrano. I suoi abiti colorati, i capelli raccolti, rivelavano una dignità e una cura per se stessa. Non era particolarmente bella o sensuale, ma colpiva il fatto che si avvicinasse alle auto e proponesse di pulire il vetro, non in maniera aggressiva o decisa, ma in modo cortese e rassegnato.
Come un ‘ape in un cespuglio di fiori, passava di auto in auto, incamerando rifiuti in cenni o parole non sempre altrettanto cortesi. Venne presso di me e stavo per fare la stessa cosa, ma decisi di acconsentire alla pulitura del vetro. Il suo viso cambiò espressione … illuminandosi di un sorriso.
Dette di spatola dopo aver passato la spugna intrisa di sapone, attenta a non lasciare alcun residuo, i suo movimenti erano lenti, accurati … alla fine ringraziai e allungai qualche spicciolo … Lei fece un piccolo passo in dietro … si fermò … s’inchinò riverente … e rialzando il viso mi sorrise .. con uno sguardo dolce … poi proseguì e il sole era in Lei.

In pomeriggio, intorno alle 15,00 sento squillare il telefono … mentre ero alle prese con la lavatrice ed il bucato, la splendida giornata era ideale per stendere i panni e farli asciugare.
Rispondo e da poche battute sento una ragazza, dall’accento milanese, che in punta di piedi pur aspettandosi un no o una risposta sgarbata, mi propone di rispondere a qualche domanda sulla mia auto. Sento di sottofondo il tipico vociare di una sala da call center, mi è famigliare perchè una volta lavorai come contabile per una società che offriva questo “servizio”. Decisi di rispondere … prestando un po’ di attenzione alla ragazza e alle risposte da dare. Si parla di revisione e di pezzi di ricambio sostituiti di recente …
Il tono si fa rilassato, ridente a qualche scemenza che butto lì a posta … intuisco che di quel lavoro se potesse ne farebbe proprio a meno … i suoi “OK” e le sue “E” da milanese … mi inteneriscono .. così la sua giovane voce … di ragazza con mille sogni che per ora restano incatenati a quel filo del telefono.
La sento sorridere … mi parla ed è confidenziale … è meno stanca … le sue domande non mirano a niente che possa destare qualche allarme in me … il tempo trascorre in un bagliore di scambi di simpatia reciproca .

Al termine della telefonata, riprendo le faccende di casa … il pensiero corre ad internet … alle splendide persone che vi ho conosciuto … alle sensazioni che mi riempiono e mi riscaldano …
Sento sciogliersi in me qualcosa … quel grumo indefinibile che ostruiva, bloccava … pensieri, sensazioni che ora ritrovo calde, avvolgenti, tenere …. La mente va ad un breve brano che lessi anni fa su un libro di cui non ricordo l’autore ed il titolo … ma presso a poco era così:“ Mi alzo: sono contento … la vita che mi ha portato attraverso questi anni, è ancora nelle mie mani e nei miei occhi. Se io abbia saputo dominarla non so. Ma finché dura, essa si cercherà la sua strada, vi consenta o non vi consenta quell’essere, che nel mio interno dice, io”.

14 commenti:

  1. Paolo sei una persona squisita e tenera.
    I tuoi pensieri e i tuoi sentimenti ti nobilitano.
    Grazie di essere mio lettore.
    Buon inizio settimana.

    RispondiElimina
  2. Sei andato aorta di Roma da Auchan?.. o da Carefur?
    Ciao sei troppo solo, come me.

    RispondiElimina
  3. GRAZIE STELLA per i tuoi bei complimenti ...mò basta se no me monto la testa ... chiedo d'esse fatto SANTO SUBITO ... e non mi pare il caso!!
    almeno fino a quando non avrò imparato a tarsformare l'acqua in vino, e me sa che a qualcuno che pure santo non è, gli riesce fin troppo bene... a giudicare dal sapore che ha quello non d.o.c. ....
    Oltre al mio lavoro, sto diventando un buon massaio... questo si... lo posiamo dire a piene mani :-))
    ... se dovessi trovare una donna manager o imprenditrice ... io non lavoro più, me ne sto a casa ... e tanti saluti ...
    però i figli li partorisce Lei ...ehhh :-)))

    Buona Settimana
    a Te Stella

    RispondiElimina
  4. Hem...adesso sappiamo pure che sei scapolo e bravo massaio...ocìo paolo, qualche figliola frequentatrice di blog, viene a chiederci la tua mano...e nui cussa a fammu? A ghe puremmu di de scì?

    RispondiElimina
  5. Soli ... ma liberi come il Vento, mia Cara Marina! e poi scusa se ti senti sola, che ce vò, fammi un fischio e più sola non sarai :-))
    il tempo pe fa quattro chiacchiere se trova sempre no!
    Mia dolce Marina ...la spesa l'ho fatta da
    PANORAMA, quello di via Tiburtina ...
    ancora si compra bene ... specie se s'imbroccano le promozioni ... sto a diventà un esperto nel campo.

    Buona Settimana
    anche a Te

    RispondiElimina
  6. Certamente mia Cara Sara... eccomi qua!
    in tutta la mia beltade ...
    so un Ottimista... ehhh;-)
    Le ragazze liguri ... sono ancora parsimoniose ed oculate? ...
    se sì avranno la precedenza su tutte le altre ...

    Buon Inizio Settimana
    Sara
    Vento in Cuffia

    RispondiElimina
  7. ...GRAZIE,
    SONO GIA' SUL LUOGO DEL DELITTO!

    RispondiElimina
  8. wow .. il tuo angolo si fa sempre più bello Paolino ... Grazie :)
    un bacione .. anzi tanti BACI BACI BACI BACI E ANCORA BACIIIIIIIII Smakkk :)

    RispondiElimina
  9. Sii!!
    Zoè ♫♥♫♥♫♥♫♥
    Saziami di Baci
    Ma Ti avverto che....
    sono molto affamato :-))

    RispondiElimina
  10. Ma Paolo!!! Ma Paolo , ma cosa mi combini.
    Vai al supermercato di domenica mattina a far la spesa e ti metti a chiacchierare con una vecchietta dici che hai conquistato la sua fiducia mentre lei pensava che gli volevi fregare il portafoglio.
    Poi ti fai pulire il vetro da una zingara che “come un’ape in un cespuglio di fiori passa di auto in auto” e sei contento perché secondo te lei è contenta della miseria che gli hai dato, ma fammi il piacere, se quella avesse potuto di avrebbe derubato.
    Poi nel pomeriggio, mentre “fai la lavatrice e stendi il bucato”, (roba da buttarsi giù dal ponte) parli con quella del telefono e invece che mandarla a spigolare subito stai li a chiacchierare tanto che si instaura una simpatia reciproca, ma per carità Paolino.
    Poi il tuo pensiero corre a internet e a tutte le splendide persone che hai conosciuto, ma va là, è tutta gente frustrata, piena di complessi, persone egocentriche che pensano di essere chissà chi, che come te cercano adulazioni e complimenti.
    Paolino ma che cavolo di uomo sei, ma siamo alla decadenza totale, alla caduta dell’impero, ma buttati per terra, sporcati tutto, fai qualcosa da uomo.
    Esiste un ruolo della donna, uno ruolo dell’uomo e devono essere complementari, mentre un povero bamba fa il ruolo di tutte e due.
    Ehh Paolino, fai il furbino, fai il buonino, uno cosi come te intenerisce il cuore delle ragazze sensibili, fai leva sul loro senso materno, forse riuscirai a combinare qualcosa, ma poi cosa se ne fa una donna di uno come te che stende il bucato e che da la cera in casa.
    Povero Paolino se fottuto , l’unico modo per salvarti è di andare volontario nella legione straniera.
    Però devo dire una mia sensazione, c’è qualcosa che non va nel tuo racconto, non credo che tu sia il coglione che sembri per me sei più furbo.
    Torquemada

    RispondiElimina
  11. Ah Torquemà ...
    avrai pure raggione...sembrerò pure un coglione, ma se il bucato non me lo faccio io chi me lo fà ....

    beh se mi mandi un' orsolina giovane e carina...magari pure...brava in cucina ... poi te lo mando a di dall'orsolina ... quello che so fà ...in casa, come so stende bene la cera, e passare e ripassare ....;-)

    Non hai colto l'essenza del racconto ...che se può riassumere in basta poco che ce vò ... per donare un sorriso agli altri e strappà uno scambio di simpatia ... ma Te... te chiami Torquemada ... e quindi sai si strappà qualcosa al prossimo ... gli occhi, la lingua, gli zebedei ....

    Nooo ...essenzialmente sono un candido ...un ottimista ... credo nella bontà del prossimo ... delle prossime, soprattutto!!

    e in quanto alle critiche sono ben accette ... perciò Torquemà ti invito a tornare più spesso e ad essere anche più sferzante ...perchè troppi complimenti rammolliscono...:-)))

    RispondiElimina
  12. E...comunque Torquemà
    il messaggio che veramente conta è....
    "sono contento … la vita che mi ha portato attraverso questi anni, è ancora nelle mie mani e nei miei occhi...."

    Che altro...se No???
    al dilà di ciò che sono o di ciò che sembro...conta solo questo!

    Buona giornata
    pura a Te
    e non fa..troppi danni
    me raccomando!

    RispondiElimina
  13. Ma dai Paolo, era una provocazione, se ci stiamo tutti a fare i complimenti allora è finita. Ti leggo spesso, sei un pò la nostra coscienza, sei in gamba perchè sai anche reagire bene e anche con simparia.
    Cari saluti da Torquemada

    RispondiElimina
  14. Paolo,ti ho visto fra gli amici che mi seguono ed eccomi a curiosare sul tuo blog.Mi piace la tua filosofia di vita,per quello che ho potuto capire.Ci vuole poco,veramente a far nascere una simpatia ed un sorriso,a vedere il lato buono degli altri,e ci lascia più sereni.
    Ciao
    Ovviamente sei -graditamente-libero di curiosare sul mio blog.

    RispondiElimina