Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









mercoledì 19 agosto 2009

LA RAGAZZA "ON THE ROAD"



Grazie Nanda
per tutto quello che ci hai donato.......più forte e autorevole divulgatrice della cultura e letteratura americana in Italia e in Europa..
L’inizio del suo percorso letterario risale al 1943, quando pubblica per Einaudi la prima traduzione di Spoon River Anthology di Edgar Lee Masters, sotto la guida di Cesare Pavese.
Figura di rilievo nella scena culturale italiana, protagonista e testimone dei più interessanti fermenti letterari del secondo novecento, amica, ambasciatrice e complice di autori leggendari,
a lei si deve la pubblicazione e la diffusione in Italia degli autori della cosiddetta Beat Generation. Ha continuato per oltre 50 anni a segnalare al pubblico e alla critica italiani i giovani scrittori americani di talento.
Ci sono personaggi che, con il proprio carisma e con la propria vitalità, riescono a segnare le epoche. Riescono a catalizzare i destini delle persone che le circondano, a generare connessioni e collaborazioni, a costruire piccoli mondi affettivi e "parentele" che diversamente non sarebbero esistite.
Fernanda Pivano, saggista, traduttrice, scrittrice e giornalista era nata a Genova il 18 luglio 1917,ma noi l'abbiamo sempre sentita e considerata "La ragazza sulla strada".

5 commenti:

  1. Bellissima la fotografia, interessantissima la persona.
    Dopo aver studiato sui suoi libri, la incontrai a Venezia.
    Il mondo della letteratura piange una gran donna.

    RispondiElimina
  2. E già...doveva avere lo stesso tuo sguardo...

    RispondiElimina
  3. Nanda, come la chiamavano molti, è stata la voce maieutica della mia generazione. La spinta vitale dei sogni e l'occasione di scoperte irrinunciabili. Adesso per quelli che avevano 16 17 anni quando uscì il disco di De andrè è veramente la fine di un'epoca; per me quindi il passar di mano di una generazione, la mia. ma questo l'ho già scritto.

    RispondiElimina
  4. Enzo
    Grazie per la Visita
    Ho letto il Tuo blog....la galanteria del Sud...la giovinezza che non conosce Tramonto...da oggi so che l'Anima ha peso e consistenza.

    RispondiElimina
  5. Guardando la sua foto da giovane, capisco che cosa Cesare Pavese aveva trovato in Lei....
    una ragazza dolce...timida e sensibile...dai lineamenti sensuali...di temperamento forte a dispetto della prima impressione...e soprattutto un profumo di pulizia spirituale, un'anima chiara e nella luce, una costante aspirazione alla libertà.

    RispondiElimina