Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









mercoledì 19 agosto 2009

AMMAZZANDO IL TEMPO IN UN POMERIGGIO D'ESTATE

A dire il vero una religione che professa “Ama il tuo nemico, altrimenti che merito c’è se ami chi ti ama?” o “porgi l’altra guancia se ti colpiscono”, “vendi tutti i tuoi beni e dai ai poveri”…. anche se diventassi un fervido credente…e spingessi al massimo per attuare questi precetti…mi avvicinerei a S.Francesco non certo a Torquemada (per rispondere a Galatea).
Gesù e Machiavelli hanno molto in comune, non vi scandalizzate, ma è così…dopo la loro morte ci sono stati gli interpreti del loro pensiero…e non sempre coloro che li hanno interpretati intendevano farli brillare…qualcuno con malizia ha fatto opera demolitoria…interpretando il pensiero originale come meglio gli faceva comodo.
Anche la Chiesa ha commesso questo errore e ha cercato di rimediare con i due Concili…l’ultimo ha cercato un' apertura tenuto conto anche dei nuovi tempi e necessità di rinnovamento.
Infine…se non si crede in Dio si finisce per considerare l’uomo al di sopra di Dio…a quel punto tutto è possibile: perché curare? facciamo prima ad uccidere…soprattutto se le risorse della terra sono sempre più limitate… creiamo nuove rupe tarpee…arriviamo a generare in laboratorio il soldato perfetto…e cosi via dicendo.

Una domanda?
Il Male potrebbe rientrare nel disegno divino? Infatti c’è da chiedersi perché ad esempio Hitler non sia stato colpito da Dio, bastava che almeno un attentato andasse a buon fine….invece ha dovuto fare quello che ha fatto…anche nella bibbia mi sembra che sia ritrovabile questo concetto (un esempio nel periodo di cattività Babilonese, inteso come punizione e purificazione)…nel Vangelo lo stesso Giuda adempie ad un progetto Divino…tradisce convinto di fare la cosa giusta…ma diviene strumento…affinché si realizzi la morte e poi la resurrezione del Cristo.

"Nel peccato originale" Dio mostra la strada poi sta a l’uomo scegliere quella che ritiene più giusta…forse il bene ed il male sono a nostra discrezione…
Direi che siamo in presenza di una contraddizione:
La discrezione dell’uomo nella scelta tra bene e male esclude che.... il male sia contemplato da Dio in un suo progetto….

Nessun commento:

Posta un commento