Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









mercoledì 22 luglio 2009

DANIELA NIGLIO, UN' OSTINATA E CONTRARIA

LA SINDROME DI DOWN VISSUTA DALLA PARTE DI UNA MADRE.
.
.
Un romanzo informativo, il diario di chi ha una figlia affetta dalla Sindrome di Down. Daniela vive sola e affronta tutti i problemi relativi alla situazione, ma non si arrende e cerca di trarre il meglio da un evento in grado di cambiare totalmente la sua vita. Dal momento della nascita della bambina, con l'accorgersi delle reazioni, per lo più di imbarazzo e compassione espresse dall'ambiente circostante, Daniela scopre nel contempo che si può essere sereni anche con chi è in apparenza diverso. Un viaggio verso la continua consapevolezza delle difficoltà che il problema comporta, ma anche verso la scoperta dei tesori che il rapporto materno con Veronica le riserva. Un libro scritto con semplicità ed immediatezza, capace di catturare chiunque lo legga, aiutandolo per di più ad avere una conoscenza meno approssimativa di questa diversità.
Messaggio di speranza e di ottimismo, pur in una cornice di una esperienza affrontata con grande forza d’animo, è fondato anche sulla convinzione che il pensiero e l’atteggiamento della gente comune verso le persone diversamente abili ha avuto negli ultimi tempi una evoluzione positiva e continua .


Daniela Niglio nasce a Latina nel 1968, si laurea in Sociologia nel 1992. Le sue pubblicazioni sociologiche variano dalla tossicodipendenza alla condizione delle madri nubili , dalla ricerca sui malati terminali di Aids e su come vivono la loro emarginazione per finire agli anziani e ai disabili.




7 commenti:

  1. Chi più di me può comprendere Daniela!

    RispondiElimina
  2. Mia Cara Amica solo Tu puoi dirlo, qualunque cosa ti possa dire sarei uno sciocco presuntuoso...
    Vi conoscete personalmente?
    Sto proseguendo la lettura di Penisola Incantata ...
    Ti andrebbe di continuare scrivendoci per e- mail?

    RispondiElimina
  3. PAOLO, sapessi che razzisti sono qui e che ignoranza senza fine... poi ti racconto per email. Da qui non posso mandarne purtroppo, non riesco ad usare la email, quando trono a Roma te la mando. Intorno al 31. ciao ciao.

    RispondiElimina
  4. Grazie Paolo,
    spero di ricevere presto notizie di Marina e magari, perchè no, di poterne parlare - o meglio scrivere- su questo sito bellissimo!
    Complimenti Paolo.
    E un caro saluto a Marina e a tutti coloro che vivono una " sofferenza " sociale!
    Daniela Niglio

    RispondiElimina
  5. @ Marina Ma chi te lo ha fatto fare a andare Lì...? eppure a vederti hai l' aspetto di una Donna del Nord ... Mah.. Buone Ferie e fregatene!
    ... pensa che Roma sente la Tua mancanza ...

    @ Daniela grazie per i complimenti (Troppo Buona davvero) e dei Saluti.
    Spero di risentirti al più presto.

    RispondiElimina
  6. @ Entrambi
    E' straordinario come il Dolore, sia un forte Magnete, che accomuna le Persone che stanno vivendo il loro Personale Calvario.
    Storie che hanno in comune la Sofferenza e la Sensibilità delle Persone stesse.
    Per chi ha Fede, l'unica Direzione possibile è quella OSTINATA e CONTRARIA al male in qualunque forma venga attuato o si manifesti.

    RispondiElimina
  7. ... spesso il male è rappresentato dalla superficialità delle persone, dall'ignoranza, dal disinteresse ...dalla mancanza di Condivisione e Partecipazione.
    In entrambi si coglie non solo la fatica, ma soprattutto l'Ottimismo e la Speranza, soprattutto per come siete e vi rapportate al Mondo!

    Grazie

    RispondiElimina