Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









martedì 2 giugno 2009

ER BARCAROLO ROMANO


Il San Giovanni del 1926 con il suo torneo canoro ci dava un gioiello di canzone che non sarebbe stata mai più dimenticata, questa canzone fece conoscere a Roma e fuori il nome del suo autore Romolo Balzani.
"Er barcarolo va contro corrente e quando canta l'eco s'arisente" - chi ancora oggi non avverte un fremito nel risentire questa commovente frase musicale?
.
.
Quanta pena stasera..
c'e' sur fiume che fiotta" cosi'
sfortunato chi sogna e chi spera


tutti ar monno dovemo soffri'
Si' c'e' n'anima che cerca la pace
puo' trovalla sortanto che qui...


Er barcarolo va contro corentee
quanno canta l'eco s'arisente
si' e' vero fiume che tu dai la pace

Fiume affatato fammela trova'..
Piu' d'un mese e' passato
da quel giorno ch'io dissi:
" A Nine'..quest'amore e' ormai tramontato
lei rispose: Lo vedo da me..
"Sospiro', poi me disse:" addio core..
io pero' nun me scordo de te!


"Je corsi appresso ma, nun l'arivai
la cerco ancora e nun la trovo mai
Si e' vero fiume che tu dai la pace

me So' pentito fammela trova'..
Proprio sotto ar battello
s'ode un tonfo ed un grido piu' n la


'S'ariggira je fa' er mulinello
poi riaffonna e riassomma piu''n la
corete e' na donna affogata
poveraccia penava chissa!?
La luna da lassu' fa' capoccella
rischiara er viso de Ninetta bella
cercava pace ed io nun je l'ho data
.
Boiaccia fiume je l'hai data tu!!..

Nessun commento:

Posta un commento