Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









sabato 13 giugno 2009

AFFACCETE NUNZIATA


E' ritenuta ancora oggi la serenata romana più bella e che più di tutte fece trepidare i cuori delle romanine d'un tempo. Tanta era (ed è) la sua popolarità che persino Ettore Petrolini l'aveva inclusa nel suo repertorio.
.
1893 - Versi di Nino Ilari:
.
.
Affaccete Nunziata, core adorato,
che 'sta nottata invita a far l'amore;
er cielo è tutto quanto imbrillantato
la luna manna a sfasci lo sprennore.
.
E tira un venticello dorce dorce
che fa smove le fronde adacio adacio;
a quanto a malappena che le storce
pe' faje appiccica' tra loro un bacio.
.
Affaccete Nunziata
boccuccia de cerasa
fravola inzuccherata
fatte vedè lassù.
.
Però ce manchi Tu 'nde sta nottata,
ce manca la bellezza de quer viso;
quanno t'affacci Tu che sei 'na fata
sto monno se trasforma in paradiso.
.
Quanno t'affacci Tu, tutte le stelle
perdeno de bellezza e de chiarore,
perchè Tu sei la bella tra le belle
che poi compete co' quarsiasi fiore
.
Affaccete Nunziata
Boccuccia de cerasa
fravola inzuccherata
fatte vedè lassù.

Nessun commento:

Posta un commento