Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









venerdì 29 maggio 2009

NESSUNO E’ INDISPENSABILE

Marco è un amico che conosco dai tempi delle scuole medie, ha una moglie e due figlie, ha sempre lavorato come manovale nei cantieri di mezza Italia, pur avendo un diploma da Ragioniere.

Parlando del più e del meno mi spiega:
In cantiere ognuno ha i suoi compiti, ma all’occorrenza ciascuno si presta in altre mansioni, se questo serve a mantenere il posto di lavoro.
"Non sei costretto, ma per mantenere la famiglia lo fai …"
Sono entrato come trasportatore, poi mi sono trovato a fare un poco di tutto: saldatore, carpentiere, montatore …
"Non si può dire questo non lo voglio fare, perché il primo giorno di cantiere ti viene detto, senza tanti giri di parole, “Tutti sono utili e nessuno è indispensabile”, per questo stai molto attento a non creare problemi", sai che fuori dal cantiere c’è sempre qualcuno pronto a rimpiazzarti.

La conclusione non è difficile da ricavare viste le premesse:
Lavoratori precari con scarse prospettive future, poca specializzazione, tanta voglia di fare anche oltre i normali orari di lavoro, non sempre pienamente retribuiti; ma la stanchezza fa fare delle sciocchezze prima o poi.

Nessun commento:

Posta un commento