Questo pupazzetto non ci rappresenta, ma esprime lo stato d'animo della precarietà,
a cui non Vogliamo Assomigliare ...
la scelta è ... In Direzione Ostinata e Contraria
D.O.C.









lunedì 25 maggio 2009

E'CCHE QUA'

Il mito di Narciso
ci ricorda di Volersi bene
senza esagerare.

"Ama il tuo prossimo come te stesso"
Altro monito che livella il rispetto degli altri entro i limiti del rispetto di se stessi,
senza eccessi.

Intanto impariamo a perdonare che è un atto apparentemente rivolto ad altre persone,
ma essenzialmente è una concessione che facciamo a noi stessi.

Il lavoro per alcuni è un assalto all'arma bianca, per altri è una partita a poker,
dove barare è la regola,
tutto è ammesso perchè "tengo famiglia",
poi ci sono quelli che devono sminuire per non farti brillare più di loro...

Quello che conta non cuocere nel risentimento, pazienza è andata come è andata,
ma ciò non toglie che te la sei giocata al meglio delle tue capacità,
che sei stato alle regole del buon vivere,
che se hai vissuto un'esperienza non esaltante e deludente
non è stata completamente colpa tua.

Guarda avanti con Fiducia e Serenità.

Nessun commento:

Posta un commento